L'Italia aggancia il carro della ripresa economica

Con lentezza ed a piccoli passi, ma infine il nostro paese sembra stia finalmente riuscendo ad agganciarsi al carro della ripresa economica: i dati pubblicati questa mattina dall'Istat  confortano questa attesa.

2° trimestre 2015
I dati sono riferiti al 2° trimestre di quest'anno (aprile-giugno) per il quale si è registrato un aumento del Pil dello 0,3% rispetto al trimestre precedente e dello 0,7% rispetto al 2° trimestre del 2014, con valori superiori quindi a quelli delle stime preliminari (0,2 e 0,5 rispettivamente) pubblicate lo scorso 14 agosto.
Nel complesso quindi l'incremento del Pil nel primo semestre 2015 è dello 0,6%.

Sempre in riferimento al 2° trimestre 2015 l'occupazione è aumentata  in valore assoluto di 180.000 unità, ma, come già rilevato nelle precedenti diffusioni, l'aumento di occupazione riguarda soprattutto gli ultracinquantenni (+5,8%) ma in contrappeso si riduce invece nella fascia 15-34 anni (-2,2%) e 35-49 (-1,1%). Il tasso di disoccupazione 15-64 permane stabile al 12,1%, si riduce anche il numero degli inattivi, grazie nel  70% dei casi alla fascia 55-64 ed il tasso di inattività globale diminuisce dello 0,6% attestandosi al 35,8%.

Luglio 2015
La globale positività dei dati trimestrali, acquisisce il valore di andamento di tendenza generale, in quanto risulta avvalorato anche dalla positività dei dati mensili di luglio: lo scorso mese infatti, l'occupazione ha continuato a crescere dello 0,2% ed il tasso di occupazione dello 0,1%.
Su base mensile in luglio la disoccupazione si riduce del 4,4% ed il tasso di disoccupazione si attesta giusto al 12%: va rilevato tuttavia che la differenza dello 0,1% in diminuzione a luglio sul tasso di disoccupazione (nel 2° trimestre è 12,1%) la ritroviamo in aumento sul tasso di inattività che giunge al 35,9% ( al 2° trimestre è 35,8%).

I giovani: fascia 15-24
Il tasso di occupazione per la fascia giovanile, 15-24 anni, in luglio 2015 aumenta rispetto a giugno 2015 dello 0,4%, ma risulta in calo nel confronto tendenziale rispetto a luglio 2014 dello 0,5% mentre il tasso di disoccupazione, attestato al 40,5%, si riduce sia nel confronto mensile (-2,5%) che in quello tendenziale (-2,6%).
Il perché si riducano il tasso di occupazione ed anche quello di disoccupazione nel confronto annuale, si spiega con l'incremento del tasso di inattività al 74,4% in questa fascia d'età ed in crescita sia nel confronto mensile che tendenziale (+0,5% e +2% rispettivamente).

In effetti quindi questa lenta ripresa non risulta ancora trainante rispetto alle fasce giovanili: il 74,4% di inattività si spiega col fatto che una consistente percentuale di questa quota sono ancora studenti e risultano pertanto "inattivi" dal punto di vista del mercato del lavoro perché non ancora in cerca di occupazione, ma rimane la realtà che il calo della disoccupazione in questa fascia è quanto meno dubbio, visto che corrisponde numericamente all'incremento della quota di inattivi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Dalla parte dei bambini

Mercato immobiliare: cresce il volume di compravendite

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Riparte il mercato immobiliare in Italia: exploit dei mutui