Passa ai contenuti principali

Un giro a vuoto



L'autore

Questa pagina è destinata a coloro che, mossi da irresistibile curiosità intrusiva, si sentissero compulsivamente orientati a farsi un giro di esplorazione nel Chaos.
Per puro scrupolo di coscienza, mi vedo costretta ad avvisare gli intrepidi avventurieri che stanno varcando le colonne d'Ercole e che inoltre un giro nel Chaos può essere solo un giro a vuoto. Ad ogni modo, ora che ci siete, procediamo pure...

Ho creato questo blog il 20 maggio del 2011. Non dedico tanto tempo a scrivere post sul blog, anche se devo riconoscere che da qualche tempo questo è uno dei miei hobbies preferiti (con indiscutibile pregiudizio per l'attività fisica, che alla mia età sarebbe salutare). In genere faccio il medico,  mi occupo di neuropsichiatria della età evolutiva e lavoro in un servizio pubblico del mio territorio, nello splendido sud italiano.

Lo confesso: scrivo poesie, ma mi sembra che la cosa non sia vietata dalla legge, né contraria alla deontologia professionale. In realtà ci sono molti medici che scrivono poesie o si dilettano di altre forme d'arte, come musica,  pittura e teatro, ma mi pare che fino ad oggi non ne abbiano arrestato nessuno. Speriamo bene anche per me!

Non vi sarà sfuggito che amo scherzare, il che è un frequente difetto degli psichiatri, che si sforzano di mantenere alto il morale delle persone e di esorcizzare la sofferenza cui partecipano e che quotidianamente assorbono nel loro lavoro: anche su questo va rilevato che finora nessuno è stato perseguito a norma di legge solo per essere un buontempone e così spero di potermela cavare impunemente anch'io.




Il Blog
Chaos è semplicemente un blog e, benché abbastanza di frequente possa contenere notizie ed informazioni, resta uno spazio di espressione del tutto indipendente e personale, il cui aggiornamento è casuale, puramente legato alla ispirazione del momento e senza rispetto di alcun tipo di periodicità. Ciò che viene offerto è una lettura  pensata, anche talvolta in chiave ironica, di vari argomenti di attualità, quotidianità, costume, politica e cultura.

Deliri quotidiani, suggerimenti per buone massaie, disquisizioni sui massimi sistemi, notizie del giorno, sfoghi, ricette, opinioni e poesie sono alcune delle tematiche che vengono trattate di volta in volta nei post pubblicati. Se siete interessati ad un argomento in particolare potete utilizzare l'elenco dei tag più frequenti inserito nella barra laterale del blog: cliccando su ciascuna parola si ottiene la visualizzazione dei post inerenti quella specifica tematica.

Come altri blog, nasce un po’ per gioco ed un po’ per passione e vorrebbe anche essere un luogo (virtuale) confortevole dove le persone possono incontrarsi, conoscersi e confrontarsi su tutto ciò che considerano interessante.

La piattaforma blogger offre la possibilità di aggiungere autori ed uno dei progetti di questo blog è quello di entrare in una rete di scambio con altri blogger amici ospiti della stessa piattaforma, con la possibilità di partecipazione reciproca nei rispettivi blog: aggiungere un autore per un blogger è un po’ come offrire a qualcun altro le proprie chiavi di casa.
L'autore ha infatti la possibilità di entrare, scrivere e pubblicare autonomamente sullo stesso blog e di conseguenza la cosa è possibile solo quando vi sia un buon rapporto di fiducia (cosa non sempre facile tra blogger) ma... non si sa mai: tutto è possibile!

________________________________________________

Una parte delle 
immagini del blog sono scaricate da Google e ritenute pertanto di pubblico dominio: per la rimozione di immagini eventualmente coperte da copyright è sufficiente inoltrarne la segnalazione via mail a sinistrati.dintorni@gmail.com.
________________________________________________

post pubblicati consistono essenzialmente di opinioni e/o rielaborazioni personali di fatti e notizie selezionate da fonti di indiscussa attendibilità, ma anche  miei racconti, poesie,  giochi di parole, ricette della mia tradizione e qualche rilassante chiacchierata con i miei lettori.
Fornisco di seguito l'elenco dei siti che leggo più spesso e dai quali di solito traggo le mie informazioni, l'elenco non è esaustivo, ma la fonte di informazioni è comunque segnalata,  spesso anche con rimando al link corrispondente nel testo di ciascun post.



Link consultati di frequente


Fonti di stampa







Commenti

  1. Bellissimo Blog, Sfinge. Mi ci vorrà un po' di tempo per leggere tutto, ma non ho fretta :-)

    RispondiElimina
  2. Ciao Sfinge! Sono di passaggio, volevo farti i complimenti per il design del blog. Molto attuale e giovanile! L'hai impostato da sola o hai trovato qualche spunto in giro?

    Grazie e complimenti ancora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm... signor anonimo (ma si firmi: qui è tutto legale!): questo blog è ospite della piattaforma di google ed il layout è uno di quelli che la piattaforma blogger propone tra quelli preconfezionati. Non l'ho creato io: io ci scrivo soltanto... quando capita.

      Elimina

Posta un commento

Allora? Che ne pensi?

Post popolari in questo blog

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Fare del male, essere capaci di farne anche consapevolmente e volontariamente non definisce esattamente il concetto di cattiveria. In realtà tutti siamo capaci di fare del male e tutti ne abbiamo fatto almeno  qualche volta nel corso della nostra vita: può capitare di farne senza rendersene esattamente conto, semplicemente perché non si è prestata attenzione ad un determinato aspetto o conseguenza di una azione e non si è quindi riusciti a valutarne gli effetti in maniera completa, altre volte accade perché siamo tesi emotivamente al raggiungimento di un nostro obiettivo e non risparmiamo mezzi  oppure perché dobbiamo difenderci e/o tutelare qualcosa per noi importante e rispondere alle aggressioni o invasioni altrui.
Non esiste nessuna persona umana vivente sulla terra che non abbia mai fatto del male: ciascuno di noi ospita dentro di sé sentimenti positivi e negativi e non sono esclusivamente i primi ad ispirare le nostre azioni.

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Voi vi chiederete il perché di una curiosità così insolita e potenzialmente controversa ed anche il perché proprio sette poesie: il motivo forse è che ho amato la corrente cosiddetta ermetica o anche perché un elenco limitato ben si coniuga con le poche parole della poesia breve ed infine perché sia l'uno che l'altra contengono un non so che di oracolare, che viene più facilmente impresso nella mente.

IL NUMERO
Sette è un numero magico: è uno dei più importanti numeri primi (cosiddetti) ed in qualche modo c'è sempre una mitologia che accompagna i principali numeri primi:

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Ebbene bisogna proprio sopportarmi: rieccomi con una delle mie spigolature, pescate tra le frasi fatte dell'antica saggezza popolare!
Non vi crucciate: pensate a quanto sopporto io che non posso separarmi da me stessa in nessun momento della mia vita! Dura, eh?

 "CHI PECORA SI FA, IL LUPO SE LA MANGIA" è un proverbio che si presta ad una riflessione tanto profonda quanto realistica: cos'è infatti che stimola l'aggressività del predatore? A parte la fame (che di per sé suscita rabbia, almeno finché si è ancora  in forze). Bene: una delle caratteristiche della preda ideale è la sua debolezza.