Preghiera della sera (poesia)

I giorni si succedono come il protendersi delle lingue di mare sulla sabbia: vengono e tornano sempre col medesimo movimento. La magia ipnotica delle cose  ripetute rende talvolta assorti e disattenti, inghiottiti soltanto dal ritmo di fondo, sincrono al pulsare dei pensieri. Nessuna onda contiene la medesima scheggia di conchiglia, nessuna ha la stessa lunghezza e bagna col medesimo contorno i pochi metri di sabbia, la terra di nessuno, mai interamente posseduta dal mare, il luogo dove con le molecole d'acqua affonda ogni percezione, folgorando in un nulla il punto vermiglio più distante sull'orizzonte.


Preghiera della sera

Sgrana il rosario 
dei tuoi giorni: 
sussurro in fuga, 
recitativo offerto
alla luna 
nelle notti terse
di silenziosi incanti.

Scivola sul sentiero

sincrono mormorio,
dipanata memoria
del  gomitolo
sempre riavvolto
nel paziente ritiro
della sera.

Ripeti cantilene,

miele di attese,
calda speranza
cullata in grembo,
preghiera raccolta
e custodita, dimenticata
e bisbigliata ancora.


Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

26 giugno: giornata internazionale per le vittime di tortura

L’ombra di Peter Pan

La tempesta (poesia)

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia