Grillo apre a Renzi sulla trattativa della legge elettorale!

Luigi Di Maio, deputato M5s, parla davanti ad una telecamera Rai e dice che, visto che il governo Renzi risulta legittimato dal voto per le europee e si prevede che l'attuale governo resti in carica fino al 2018, loro del M5s sono disposti a partecipare al dibattito  sulle riforme, anzi precisa che è meglio che queste riforme vengano concordate col M5s piuttosto che con Berlusconi ...
Di Maio naturalmente non si esprime certo a titolo individuale: questa è attualmente la posizione espressa da Grillo sul suo blog:
"Renzi batta un colpo. Il M5s risponderà" 
se, naturalmente, il premier ritiene che la proposta di legge presentata in Gennaio dal M5s possa costituire una base per un confronto e per evitare che il "pregiudicato" Berlusconi venga iscritto tra i "padri costituenti". Questa sostanzialmente l'apertura  di Grillo.

Chi se lo sarebbe aspettato? Ed a cosa si deve un così repentino cambio di posizione di Grillo?
Voglio dire: la logica del discorso è condivisibile, ovvero ci mettiamo in gioco per evitare che il governo debba scendere a patti con le frange corrotte della destra, ma naturalmente, se questa è la logica, perché non è stata usata anche prima?
Perché solo adesso?
Perché proprio adesso?

Grillo nel post spiega che adesso il panorama politico è cambiato e che Renzi è stato legittimato dal voto popolare: l'argomento in sé potrebbe considerarsi valido, anche perché di fatto, per quanto possa non piacere Renzi, rimane il fatto che l'Italia non può davvero permettesi altre crisi politiche, ma .... questo era vero anche qualche giorno fa, ma non aveva inciso minimamente sulla posizione di chiusura e conflitto da sempre espressa dal M5s.

Cosa è cambiato dunque negli ultimi giorni?

Il perché proprio ora è una domanda non solo lecita, ma dovuta, perché la risposta può essere illuminante. Per darci una risposta teniamo conto del fatto che la successione temporale rappresenta sul piano analogico ciò che il nesso causale è ad un livello logico: non necessariamente la consecuzione temporale indica una associazione del tipo causa effetto, ma è suggestiva di esso e gli accadimenti che hanno preceduto un determinato effetto vanno analizzati come ipotetiche cause.
Bene:  pochi giorni fa c'è stata la ratifica della scelta di Grillo di Farage come alleato in ambito europeo e nei giorni immediatamente successivi sono seguite polemiche e proteste molto accese da parte di una grossa fetta di aderenti, iscritti e simpatizzanti del Movimento 5 stelle. 
Proprio nel profilo fb di Luigi Di Maio si sono letti commenti al vetriolo duramente critici sia nel merito della sostanza della scelta politica che nella modalità adottata per la sua ratifica ....

Considerato che se Grillo perdesse il suo elettorato con matrice culturale di sinistra, il Movimento ne risulterebbe gravemente indebolito ed impoverito, si potrebbe ipotizzare che il viraggio a destra con le polemiche che ne sono seguite, sia da riconoscersi non solo come antecedente, ma come circostanza avente valore causale dell'attuale apertura a Renzi: giusto bilanciare e contentare anche l'elettorato di sinistra, un pò come è successo quando Grillo ha marciato con i no Tav e con i forconi ...
Peccato solo che a Renzi di sinistra sia rimasto ben poco ... ma in compenso sembra che pur accogliendo l'apertura, pretenda a diretta streaming in stile grillino!

Ad ogni modo, considerato il limitato ventaglio di scelte nell'attuale quadro politico italiano, il M5s potrebbe essere effettivamente un interlocutore con dignità  piuttosto diversa da quella espressa fin qui da Berlusconi ed indipendentemente dai giochi politici ed elettorali il confronto programmatico aprirebbe una nuova alternativa percorribile sulla strada delle riforme.

Commenti

  1. Mi dispiace interpretazione errata! Io sono iscritto certificato e sono di sinistra e ti dico che farage non centra nulla. Centra il fatto che dopo il risultato europeo abbiamo capito che dobbiamo cambiare tattica e comunicazione. Insomma renzi è un grande bluff e con noi non vuole fare nulla, vuole fare tutto con il suo alleato naturale, cioè berlusconi con cui condivide il programma e l'idea di politica in generale. Noi lo sappiamo, ma abbiamo capito che molta gente no. Pensavamo che erano troll, e invece son proprio persone che non riescono a capire un tubo di politica ( o che gli sta bene la cosa). Bene, allora dobbiamo rendere evidente che non siamo noi a dire no, ma il pd a dire no alle nostre proposte e si a quelle del pdl.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fabio: bentornato nel mio blog e grazie per il tuo contributo.
      La mia è una ipotesi e mi sembra di avere chiarito puntigliosamente la differenza esistente tra nesso causale e consecuzione temporale, tuttavia si tratta a mio avviso di una ipotesi che merita considerazione, valutato anche che di solito la realtà è complessa e le determinanti di un evento, comportamento o scelta sono di solito molteplici.
      Sicuramente la manovra del M5s ha uno scopo dimostrativo: cosa poi intenda dimostrare e cosa riuscirà effettivamente a dimostrare saranno i fatti a dirlo. Vuol dimostrare che Renzi è un "moderato" secondo te?
      Non saprei: che sia un moderato di matrice democristiana è cosa nota anche al più ignorante di politica in Italia. Si va a sfondare una porta aperta! Vuole dimostrare che il M5s è di sinistra e anzi più a sinistra di Renzi? Probabile (ma non è appunto quello che stavo sostenendo io?).
      Come vedi diciamo circa la stessa cosa, ma con ottica interpretativa forse un pò differente ... Buon pomeriggio Fabio! Alla prossima :-))

      Elimina
    2. No! Non vogliamo dimostrare che è un moderato ma che è un quaquaraqua che fa le riforme con berlusconi volontariamente e coscientemente. Il movimento se ne frega di essere di sinistra, di centro o di destra, noi vogliamo solo fare le cose con buon senso a fronte della realtà e delle possibilità. sto concetto è semplice ma non riuscite a capirlo. Io ti parlo da interno del movimento, la mia non una interpretazione, ti sto dicendo il perchè di questa tattica: mostrare che il pd ha sempre voluto l'alleanza con il pdl!!!

      Elimina
    3. Buongiorno Fabio! Sarò breve (al mattino sono di corsa).
      Anche Mario Monti diceva che non esiste più destra e sinistra, ma progressisti e conservatori (ai tempi scrissi alcuni post in chiave ironica sulla topografia politica, se vuoi te li ritrovo) tanto che Bersani rilanciò ridistribuendo con le collocazioni alto-basso ...
      Comunque tu voglia chiamarla esiste una direzione politica ispirata ai valori della uguaglianza sociale ed alla tutela degli emarginati e/o "diversi" ed un'altra direzione politica ispirata alla tutela degli interessi forti e delle classi e categorie privilegiate. La prima io la chiamo sinistra e mi colloco in quell'area, la seconda io la chiamo destra.
      Dopo questa precisazione semantica, aggiungo che il PD (a cui per inciso non appartengo) contiene molte anime e proprio il M5s ha fatto fallire Bersani, di cui tutto si può dire ma non certo che volesse cercare alleanze col Pdl, piuttosto si è dimesso e questa è storia, incontrovertibile. Da come si sono svolte le cose all'epoca sembrava piuttosto che il M5s volesse l'alleanza tra Pd e Pdl con ciò che ne sarebbe seguito per l'Italia! Infine dire che "Il movimento se ne frega di essere di sinistra, di centro o di destra" è ancora una volta un modo per fare inghiottire la pillola Farage (ci alleiamo con lui, ma non siamo fascisti, né razzisti). La mia opinione è che destra e sinistra esistono e continuano ad esistere le classi sociali, anzi i divari si sono accentuati, continua ad esistere il razzismo e così via e cercare di acchiappare da tutte le parti senza definire una propria ispirazione ideologica .... è solo un modo per rastrellare voti e conservare il potere del partito o Movimento che dir si voglia!!
      Buongiorno e guarda che io sono una persona sola e rappresento solo me stessa: puoi usare a 2° persona singolare :-)
      Corro via: buona giornata Fabio!

      Elimina
    4. Buongiorno Fabio! Sarò breve (al mattino sono di corsa).
      Anche Mario Monti diceva che non esiste più destra e sinistra, ma progressisti e conservatori (ai tempi scrissi alcuni post in chiave ironica sulla topografia politica, se vuoi te li ritrovo) tanto che Bersani rilanciò ridistribuendo con le collocazioni alto-basso ...
      Comunque tu voglia chiamarla esiste una direzione politica ispirata ai valori della uguaglianza sociale ed alla tutela degli emarginati e/o "diversi" ed un'altra direzione politica ispirata alla tutela degli interessi forti e delle classi e categorie privilegiate. La prima io la chiamo sinistra e mi colloco in quell'area, la seconda io la chiamo destra.
      Dopo questa precisazione semantica, aggiungo che il PD (a cui per inciso non appartengo) contiene molte anime e proprio il M5s ha fatto fallire Bersani, di cui tutto si può dire ma non certo che volesse cercare alleanze col Pdl, piuttosto si è dimesso e questa è storia, incontrovertibile. Da come si sono svolte le cose all'epoca sembrava piuttosto che il M5s volesse l'alleanza tra Pd e Pdl con ciò che ne sarebbe seguito per l'Italia! Infine dire che "Il movimento se ne frega di essere di sinistra, di centro o di destra" è ancora una volta un modo per fare inghiottire la pillola Farage (ci alleiamo con lui, ma non siamo fascisti, né razzisti). La mia opinione è che destra e sinistra esistono e continuano ad esistere le classi sociali, anzi i divari si sono accentuati, continua ad esistere il razzismo e così via e cercare di acchiappare da tutte le parti senza definire una propria ispirazione ideologica .... è solo un modo per rastrellare voti e conservare il potere del partito o Movimento che dir si voglia!!
      Buongiorno e guarda che io sono una persona sola e rappresento solo me stessa: puoi usare a 2° persona singolare :-)
      Corro via: buona giornata Fabio!

      Elimina
    5. Clara questo incontro con renzi serve proprio perchè, come te, non riuscite a capire concetti banali. Quando diciamo che non esiste six e dx, non ci riferiamo a categorie filosofiche7 politiche che chiaramente esistono, ma alla realtà del fatti! Anche sel o tsipras , considerati di estrema sinistra a chiacchiere, con la sinistra non hanno nulla a che vedere. I fatti dicono che non esiste la sinistra. Su bersani lasciamo perdere, te ancora pensi che voleva l'alleanza con noi. Ecco è questo il punto c'è ancora gente che non riesce a vedere il pd e anche sel per quello che sono. Lo scopo è mostrarlo anche a chi si ostina a non voler vedere. Per il resto chi entra nel movimento deve mettere da parte le ideologie, quindi non acchiappiamo voti a destra e manca. Si ragiona sui problemi. E quando si ragiona sui problemi , scopri magicamente che le ideologie non servono a nulla. semmai servono i valori e quelli sono universali: onestà, fratellanza, uguaglianza, libertà!!!

      Elimina
    6. Clara questo incontro con renzi serve proprio perchè, come te, non riuscite a capire concetti banali. Quando diciamo che non esiste six e dx, non ci riferiamo a categorie filosofiche7 politiche che chiaramente esistono, ma alla realtà del fatti! Anche sel o tsipras , considerati di estrema sinistra a chiacchiere, con la sinistra non hanno nulla a che vedere. I fatti dicono che non esiste la sinistra. Su bersani lasciamo perdere, te ancora pensi che voleva l'alleanza con noi. Ecco è questo il punto c'è ancora gente che non riesce a vedere il pd e anche sel per quello che sono. Lo scopo è mostrarlo anche a chi si ostina a non voler vedere. Per il resto chi entra nel movimento deve mettere da parte le ideologie, quindi non acchiappiamo voti a destra e manca. Si ragiona sui problemi. E quando si ragiona sui problemi , scopri magicamente che le ideologie non servono a nulla. semmai servono i valori e quelli sono universali: onestà, fratellanza, uguaglianza, libertà!!!

      Elimina
    7. Bene! Staremo a vedere cosa succede, Fabio ...
      Comunque, giusto per la precisione vorrei farti notare che chi non la pensa come te non è che NON HA CAPITO, MA SEMPLICEMENTE LA PENSA IN UN MODO DIVERSO e riuscire ad accettarlo senza pretendere di possedere l'unica verità o verbo rivelato da Grillo, sarebbe segno di indipendenza di pensiero e buona capacità critica! I valori e la scala di valori corrispondono alle ideologie, ovvero sistemi di idee e valori per l'appunto categorizzati in base ad importanza e priorità. Dire che non esistono ideologie, ma valori (ideali) è contraddizione in termini.
      La pragmatica che tu metti davanti viene formulata in base appunto alle scale di valori corrispondenti a ciascuna ideologia: secondo le priorità etiche, ideologiche e politiche viene elaborato un percorso compatibile per la risoluzione dei problemi e non sempre il fine giustifica i mezzi se puoi capire cosa intendo ;-) nello specifico.
      Quanto a me sono una romantica ("gli uomini senza idee per primi vanno a fondo") e ben poco o per nulla machiavellica: una sola volta ho fatto un compromesso, quando ho ritenuto che servisse forza ed unità a sinistra ....
      Una cosa l'hai indovinata: sono sinistra, sinistrata, sinistrorsa, sinistrogira, estremista ... (peccato che non sia anche mancina!)

      Buona giornata Fabio! :-)

      Elimina
    8. Bene! Staremo a vedere cosa succede, Fabio ...
      Comunque, giusto per la precisione vorrei farti notare che chi non la pensa come te non è che NON HA CAPITO, MA SEMPLICEMENTE LA PENSA IN UN MODO DIVERSO e riuscire ad accettarlo senza pretendere di possedere l'unica verità o verbo rivelato da Grillo, sarebbe segno di indipendenza di pensiero e buona capacità critica! I valori e la scala di valori corrispondono alle ideologie, ovvero sistemi di idee e valori per l'appunto categorizzati in base ad importanza e priorità. Dire che non esistono ideologie, ma valori (ideali) è contraddizione in termini.
      La pragmatica che tu metti davanti viene formulata in base appunto alle scale di valori corrispondenti a ciascuna ideologia: secondo le priorità etiche, ideologiche e politiche viene elaborato un percorso compatibile per la risoluzione dei problemi e non sempre il fine giustifica i mezzi se puoi capire cosa intendo ;-) nello specifico.
      Quanto a me sono una romantica ("gli uomini senza idee per primi vanno a fondo") e ben poco o per nulla machiavellica: una sola volta ho fatto un compromesso, quando ho ritenuto che servisse forza ed unità a sinistra ....
      Una cosa l'hai indovinata: sono sinistra, sinistrata, sinistrorsa, sinistrogira, estremista ... (peccato che non sia anche mancina!)

      Buona giornata Fabio! :-)

      Elimina
  2. Buongiorno, Clara. Io non mastico la politica, oltretutto in questo periodo è abbastanza ostica per i miei gusti, ma questo non vuol dire che non mi faccia delle opinioni personal, e su Grillo il mo parere è quello di vederlo come un "Grillantropo" (inverso del Licantropo), cioè, che da fiero e nobile lupo si è trasformato (all'occorrenza) in un modesto, umile e vile ometto ... e dire che l'avevo votato ... imbecille, io ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Jennaro: io non l'ho mai votato e non ho mai votato PD (con un'unica eccezione: votai Bersani, l'ultimo comunista) comunque ritengo che il M5s non sia solo Grillo, esiste anche altro nel Movimento e se riuscissero realmente a trovare degli accordi avremmo forse riforme migliori di quelle che è possibile avere concordandole col Berlusca, ma non so se l'intenzione dell'apertura sia realmente costruttiva: comunque staremo a vedere ... Buongiorno! Grazie del tuo intervento. :-))

      Elimina
  3. Buona giornata Clara. Grillo? Un urlatore costretto dai fatti a dover ammettere di aver bruciato la schedina ( forse vincente) e cosa vuol fare ora? Ovvio, urlare contro Renzi e PD. Vedremo chi stana chi. Ricordate un certo Fanfani , dx DC e toscano ?

    RispondiElimina
  4. Ciao Nino! Buongiorno ... Fanfani? Corro a studiare la storia ;-))

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari