Passa ai contenuti principali

20 giugno: la giornata mondiale del rifugiato

In Iraq prosegue la guerra del petrolio: il popolo è in fuga.
Non si è mai capito nelle politiche delle potenze occidentali chi sostiene chi, chi finanzia chi, chi fornisce armi a chi .... ma certo rimane il fatto che vi sono terre continuamente devastate dalla guerra.

Domani ricorre la giornata mondiale del rifugiato: secondo la informativa del Ministero degli Interni si tratta di una celebrazione riconosciuta ufficialmente a livello mondiale nel 2001 ed istituita con l'intento di rappresentare un momento di sensibilizzazione e partecipazione della opinione pubblica nel supporto di tutte le organizzazioni umanitarie impegnate nell'assistere le popolazioni sofferenti.

Il 20 giugno coincide con la giornata africana del rifugiato e la data è stata scelta nel 50° anniversario della Convenzione del 1951 che stabiliva la definizione dello status di rifugiato indicandone i diritti e la protezione ad essi dovuta.
Oggi i popoli in fuga dalla guerra vengono soprattutto dalla Siria  e spesso attraversano anche il mare.
L'OMS nei giorni scorsi ha segnalato l'aggravarsi della situazione umanitaria in Iraq anche per il pericolo di diffusione di infezioni conseguenti all'esodo di massa ed alle precarie situazioni igienico sanitarie nelle zone colpite, riferendosi soprattutto alla eventuale diffusione del morbillo e della polio.
Oggi il Ministero della Salute in Italia comunica il dislocamento a partire dal prossimo 21 giugno di personale sanitario altamente specializzato a bordo delle navi della marina militare impegnate nelle operazioni "mare nostrum" in modo da individuare e curare già a bordo delle navi e prima dell'arrivo nei porti i migranti a tutela della salute di tutti.
Secondo i dati Eurostat nel 2013 sono stati ospitati nei paesi della UE 135.700 richiedenti asilo ed il numero di persone ospitate è andato aumentando costantemente dal 2008, quando i richiedenti asilo erano poco meno di 80.000. Le persone in fuga dalla Siria rappresentano circa un quarto degli asili concessi, i paesi di provenienza più rappresentati infatti sono nell'ordine: Siria con il 26%,  Afghanistan con il 12% e Somalia col 7% .
Alcune  nazioni europee   accolgono il maggior numero di rifugiati, di fatto il 70% dell'accoglienza e protezione dei rifugiati viene assicurata soltanto da cinque stati dell'Unione Europea, in ordine:

  1. Svezia, 26.400 asili a rifugiati 
  2. Germania, 26.100
  3. Francia, 16.200
  4. Italia, 14.500
  5. Gran Bretagna, 13.400
La costa italiana per chi attraversa il mare è il primo approdo e solo dall'inizio di quest'anno sono sbarcate sulle nostre coste circa 58.000 persone tra cui molti minori. Secondo il rapporto di Save the children dal 1° gennaio al 31 maggio 2014 sono sbarcati 2.124 bambini di cui 1.542 sono siriani mediamente di 5 anni di età. Complessivamente dal 1° gennaio al 17 giugno le persone approdate sulle nostre coste sono in tutto 58.000 di cui  5.300 donne e 9.000 minori tra i quali 3.160 non accompagnati.
L'accoglienza dei bambini e degli adolescenti richiede particolari attenzioni e tutele sotto ogni profilo relativo  alla considerazione e cura della loro salute psicofisica.

Commenti

  1. Mancano pochi minuti all'inizio della giornata del Rifugiato e sarebbe bello se a mezzanotte il mondo si fermasse anche per un solo istante come per voler richiamare l'attenzione di tutta la popolazione della Terra sulla difficile condizione di questi poveretti... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un piccolo sogno, un pensiero solidale: si sarebbe bello!
      Buona notte Jennaro .-)

      Elimina
  2. Mancano pochi minuti all'inizio della giornata del Rifugiato e sarebbe bello se a mezzanotte il mondo si fermasse anche per un solo istante come per voler richiamare l'attenzione di tutta la popolazione della Terra sulla difficile condizione di questi poveretti... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un piccolo sogno, un pensiero solidale: si sarebbe bello!
      Buona notte Jennaro .-)

      Elimina
  3. Ciao Carissima,
    stiamo trattando gli stessi temi e la cosa è molto positiva in quanto più siamo a farlo più le cose sono destinate a cambiare.
    Nel mio piccolo, ho auspicato un minuto di Silenzio e avendo avuto anche delle ricondivisioni su Fb sembra che l'insieme sia piaciuto. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mauri: si credo che la tematica sia sentita da molti ed, a parte i leghisti, che non vogliono capire è chiaro a tutti che le guerre del sud del mondo sono funzionali alle grandi potenze ed alle lobby industriali e finanziarie che ci speculano .... li fanno ammazzare tra loro e poi vorrebbero chiudergli le vie di fuga :-( per fortuna esiste anche una umanità solidale ... :-)

      Elimina

Posta un commento

Allora? Che ne pensi?

Post popolari in questo blog

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Fare del male, essere capaci di farne anche consapevolmente e volontariamente non definisce esattamente il concetto di cattiveria. In realtà tutti siamo capaci di fare del male e tutti ne abbiamo fatto almeno  qualche volta nel corso della nostra vita: può capitare di farne senza rendersene esattamente conto, semplicemente perché non si è prestata attenzione ad un determinato aspetto o conseguenza di una azione e non si è quindi riusciti a valutarne gli effetti in maniera completa, altre volte accade perché siamo tesi emotivamente al raggiungimento di un nostro obiettivo e non risparmiamo mezzi  oppure perché dobbiamo difenderci e/o tutelare qualcosa per noi importante e rispondere alle aggressioni o invasioni altrui.
Non esiste nessuna persona umana vivente sulla terra che non abbia mai fatto del male: ciascuno di noi ospita dentro di sé sentimenti positivi e negativi e non sono esclusivamente i primi ad ispirare le nostre azioni.

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Voi vi chiederete il perché di una curiosità così insolita e potenzialmente controversa ed anche il perché proprio sette poesie: il motivo forse è che ho amato la corrente cosiddetta ermetica o anche perché un elenco limitato ben si coniuga con le poche parole della poesia breve ed infine perché sia l'uno che l'altra contengono un non so che di oracolare, che viene più facilmente impresso nella mente.

IL NUMERO
Sette è un numero magico: è uno dei più importanti numeri primi (cosiddetti) ed in qualche modo c'è sempre una mitologia che accompagna i principali numeri primi:

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Ebbene bisogna proprio sopportarmi: rieccomi con una delle mie spigolature, pescate tra le frasi fatte dell'antica saggezza popolare!
Non vi crucciate: pensate a quanto sopporto io che non posso separarmi da me stessa in nessun momento della mia vita! Dura, eh?

 "CHI PECORA SI FA, IL LUPO SE LA MANGIA" è un proverbio che si presta ad una riflessione tanto profonda quanto realistica: cos'è infatti che stimola l'aggressività del predatore? A parte la fame (che di per sé suscita rabbia, almeno finché si è ancora  in forze). Bene: una delle caratteristiche della preda ideale è la sua debolezza.