Passa ai contenuti principali

Il potere della natica: mode, simbolismi, proverbi e ... bridesmaids mooning!


E va bene ... ne prendiamo atto: la natica è di moda ormai da diversi anni a questa parte, esibita  ordinariamente con orgogliosa nonchalance  nell'abbigliamento soprattutto, ma non soltanto femminile.
La moda dei pantaloni a vita bassa (sempre più bassa ed aderente) oltre a produrre fastidiose ecchimosi in corrispondenza delle anche, dove stringe la cintura, ha la caratteristica di esporre il solco intergluteo, ovvero la profonda incisura che separa le natiche, ogniqualvolta ci si siede, scoprendo (complici magliettine corte ed attillate) parte della schiena e ... del fondoschiena.
Bene, nessuno scandalo, per carità: probabilmente le nostre bisnonne storcevano il naso anche di fronte ai generosi decolletè che consentivano di ammirare il solco che separa le mammelle in modo non tanto dissimile dall'esibizione attuale dell'intergluteo.

Se ne deduce che i solchi sono seducenti: se questo dipenda dalla primitiva vocazione umana all'aratura dei campi (seguita dalla semina, ndr) o dall'aura di mistero e dalla intrigante curiosità suscitata dal solco in se stesso, in quanto per sua natura è deputato a celare qualcosa (e a quanto sembra, di molto interessante in termini di attrattiva sessuale) è difficile a stabilirsi, ma abbiamo il vantaggio di non essere obbligati ad analizzare questo aspetto. Più che altro la cosa è sospetta in quanto coniugata in linea di tendenza al crescente interesse per il terzo sesso, che notoriamente si avvale di buon grado di quanto celato tra le natiche  ...


Ma bando alle chiacchiere e veniamo alla sostanza: la verità è che nell'immaginario collettivo la natica, anzi la coppia nel suo insieme, altrimenti denominata .... occupa uno spazio importante sia in positivo che in negativo ed è di questo valore simbolico che intendo occuparmi oggi per comprendere in quale misura esso sia legato alla enorme attrattiva che questa parte del corpo esercita su tutti, siano essi uomini, donne, omo o trans.

Una delle più comuni accezioni positive è quella che indica fortuna: averlo grande o avercelo rotto sono modi di dire che designano un individuo come molto fortunato, una botta di ... fortuna infine è ciò che tutti si augurano (purché tonda e priva di cellulite) per contro invece avere la faccia come il .... è considerato un insulto, come di cattivo augurio è mandare qualcuno a prenderlo appunto nel medesimo luogo.

Insomma si tratta di una di quelle cose rispetto alle quali cultura e costume, nonché posizione emotiva si dimostrano decisamente ambivalenti: oggetto di scherno e disprezzo, ma anche di smodata ammirazione ed oscuro oggetto di desiderio. 
Al momento sembra sia caduto un altro tabù: il famigerato ... viene ormai esibito non solo da signore/i di dubbia reputazione, ma da uomini e donne comuni, cosiddetti intellettuali compresi (salvo esonero da eventuali cariche e mansioni politiche) e  ne diventa moda l'esibizione anche ai matrimoni, ragion per cui in caso di cellulite o natica cadente è altamente sconsigliato fare la damigella d'onore.
Sembra infatti stia entrando nella tradizione delle foto matrimoniali dopo il classico bacio, anche la natica delle dame: si tratta del bridesmaids mooning la posa di sposa e damigelle col fondoschiena in primo piano.
Non ridacchiate: non intendo commentare la nuova usanza, come ben sapete non sono abbastanza intellettuale da apprezzare questo genere di ironia, né abbastanza bigotta da condannarla.
Essendo a mia volta una donna non entro neanche nel novero di quelli che storcendo il muso non staccheranno gli occhi ... insomma: puro dovere di cronaca ... ;-))

Commenti

  1. ...e come, non lasciarti un commento considerando che mi hai fatto ridere leggendo i vari modi con cui si può aver fortuna.
    Due bei glutei femminili richiamano alla mente qualche bellezza carioca ritratta mentre li mette in mostra con non-calanche, o quelli sostanziosi raffigurati da Botero.
    Buona Giornata, Clara. :-)

    RispondiElimina
  2. Menomale che eri tu Mauri ... da buona pusillanime, prima ho lanciato la pietruzza poi mi sono spaventata a vedere che c'era il commento, temendo qualcosa di mordace ..... :-D eh le donne ... una contraddizione in termini!
    Grazie del tuo contributo, buona giornata anche a te!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Allora? Che ne pensi?

Post popolari in questo blog

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Fare del male, essere capaci di farne anche consapevolmente e volontariamente non definisce esattamente il concetto di cattiveria. In realtà tutti siamo capaci di fare del male e tutti ne abbiamo fatto almeno  qualche volta nel corso della nostra vita: può capitare di farne senza rendersene esattamente conto, semplicemente perché non si è prestata attenzione ad un determinato aspetto o conseguenza di una azione e non si è quindi riusciti a valutarne gli effetti in maniera completa, altre volte accade perché siamo tesi emotivamente al raggiungimento di un nostro obiettivo e non risparmiamo mezzi  oppure perché dobbiamo difenderci e/o tutelare qualcosa per noi importante e rispondere alle aggressioni o invasioni altrui.
Non esiste nessuna persona umana vivente sulla terra che non abbia mai fatto del male: ciascuno di noi ospita dentro di sé sentimenti positivi e negativi e non sono esclusivamente i primi ad ispirare le nostre azioni.

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Voi vi chiederete il perché di una curiosità così insolita e potenzialmente controversa ed anche il perché proprio sette poesie: il motivo forse è che ho amato la corrente cosiddetta ermetica o anche perché un elenco limitato ben si coniuga con le poche parole della poesia breve ed infine perché sia l'uno che l'altra contengono un non so che di oracolare, che viene più facilmente impresso nella mente.

IL NUMERO
Sette è un numero magico: è uno dei più importanti numeri primi (cosiddetti) ed in qualche modo c'è sempre una mitologia che accompagna i principali numeri primi:

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Ebbene bisogna proprio sopportarmi: rieccomi con una delle mie spigolature, pescate tra le frasi fatte dell'antica saggezza popolare!
Non vi crucciate: pensate a quanto sopporto io che non posso separarmi da me stessa in nessun momento della mia vita! Dura, eh?

 "CHI PECORA SI FA, IL LUPO SE LA MANGIA" è un proverbio che si presta ad una riflessione tanto profonda quanto realistica: cos'è infatti che stimola l'aggressività del predatore? A parte la fame (che di per sé suscita rabbia, almeno finché si è ancora  in forze). Bene: una delle caratteristiche della preda ideale è la sua debolezza.