M5s: la scelta di Farage in Europa

La "rete" interpellata da Beppe Grillo sceglie in Europa l'alleanza con Farage.
Farage, come è noto, è un esponente dell'ala più estrema della destra britannica, staccatosi dal partito della destra moderata nel 1992 dopo il trattato di Maastrict: il suo partito, l'Ukip, esprime posizioni nazionaliste ed antieuropeiste.
Ora, malgrado a mio avviso, fosse evidente da tempo la collocazione destrorsa del M5s nella topografia politica italiana, è pur vero ed innegabile che Grillo è riuscito a coagulare intorno a sé tutte le voci di protesta e malcontento di destra, centro e sinistra, raccontando a tutti di voler rimanere "puro" ragion per cui si è astenuto dallo stringere alleanze politiche in Italia, costringendo di fatto le forze progressiste a venire a patti con le destre politiche nazionali, pur di  riuscire a dare un governo al paese.
Il tutto infine è approdato nella centralità democratica (o democristiana) del renzismo, nel mentre il M5s proseguiva nei suoi abboccamenti sul territorio con gruppi come Forza Nuova, presentandoli quali campagne di reclutamento per il Movimento.

Nel procedere con questo genere di strategia, tuttavia Grillo è sempre stato attento a non darsi una definizione che consentisse di collocare mentalmente  il movimento in uno dei luoghi concepiti tradizionalmente nella topografia politica italiana in modo da non precludersi aree di consenso. 
Nei rapporti umani bisognerebbe porre attenzione alle persone che non definiscono le proprie posizioni: la mancanza di chiarezza di solito sottende intenzioni manipolative e le cose non sono diverse se analizziamo invece i rapporti tra gruppi e sistemi.
Le tecniche di controllo utilizzate con i propri parlamentari, l'epurazione dei dissidenti, il fatto stesso di risultare "proprietario" di un movimento politico (sic!) le discutibili modalità utilizzate per legittimare scelte comunque calate dall'alto, da tempo avrebbero dovuto rendere chiara   l'idea di autoritarismo cui una tale prassi può ispirarsi, ma l'euforia dell'esser contro tutto e comunque ha innegabilmente contagiato anche chi da sinistra riteneva di volersi collocare in una fascia più estrema e per così dire "rivoluzionaria".

Oggi la scelta di Farage dovrebbe avere chiarito le idee a tutti compresi quelli che si sono bendati e tappati naso ed orecchie per non capire ...

Ma ha scelto la rete!

A questo punto e solo per interesse puramente speculativo vorrei introdurre alcune considerazioni sul concetto di SCELTA.
La scelta che noi operiamo all'interno di un contesto reale logicamente ci impone delle limitazioni: noi possiamo scegliere soltanto tra le alternative che la realtà ci offre, che non necessariamente coincidono con la realizzazione delle nostre aspirazioni. Nel braccio della morte ad esempio, può darsi che ad un condannato si lasci il diritto di scegliere il tipo di esecuzione che dovrà subire: il condannato opererà una scelta, ma non potrà scegliere di vivere, perché il contesto di realtà nel quale si trova ad operare la sua scelta non gli offre questa alternativa.
Per questo la libertà sta appunto nell'ampliamento dei propri orizzonti e quindi nell'infoltimento del numero di alternative tra cui è possibile scegliere quella più vicina alle proprie aspirazioni ed ai propri obiettivi.
All'opposto la mistificazione e la manipolazione stanno nel privare le persone di ogni possibilità di scelta, lasciando come uniche alternative praticabili quelle verso le quali le si vuole indirizzare, per poi far figurare pubblicamente che la scelta è stata operata e voluta dagli interessati.

La rete ha scelto!

Se ad un bambino chiediamo se vuol restare chiuso a casa o andare a giocare col cugino, sceglierà di andare dal cugino, se gli chiediamo anche  se preferisce giocare a pallone al parco o rimanere a casa chiuso, vorrà andare al parco e così via: l'importante è che l'alternativa alla scelta verso cui vogliamo indirizzarlo sia squallida (ovvero restare chiuso in casa da solo in un angolino) poi potremo dire che il bimbo ha voluto ....
Vediamo quindi in quale ventaglio di alternative la rete ha scelto: o Farage o i conservatori tradizionali o i fuori gruppo (senza alcuna possibilità di incidere sulle scelte europee).
Va  rilevato che le scelte proposte come  possibili sono comunque tutte collocate a destra, tranne il rimanere fuori gruppo, vale a dire nell'angolino, ma anche questa deve essere sembrata ai vertici del M5s un rischio eccessivo ed una libertà inaudita da lasciare tutta in mano agli iscritti, sicché in coda al post nel blog di Grillo sull'argomento votazioni si legge:

" P.S. se l'alternativa votata prima non fosse praticabile si opterà per la seconda più votata"

riservandosi così (non si sa mai) la possibilità di poter comunque fare questa benedetta alleanza con Farage, quale che fosse l'esito del voto (e quale avrebbe mai potuto essere?).

E così la rete ha scelto!

Ma poi, detto fra noi: chi li controlla questi voti in rete??

Commenti

  1. Come volevasi dimostrare . Cosa deve fare ancora per far capire BENE cos'è ? Ma dico io ... possibile non arrivarci da soli? Oppure , peggio ancora, lo votano perché è così? Cosa credono di ricavarci oltre ad un altro ventennio di crisi? Grazie Clara, buona serata !

    RispondiElimina
  2. Come volevasi dimostrare . Cosa deve fare ancora per far capire BENE cos'è ? Ma dico io ... possibile non arrivarci da soli? Oppure , peggio ancora, lo votano perché è così? Cosa credono di ricavarci oltre ad un altro ventennio di crisi? Grazie Clara, buona serata !

    RispondiElimina
  3. Mah .... un mio amico ha amici grillini e notavo leggendo alcuni commenti nella sua pagina che la fede di questi ragazzi è grande, benché originariamente gravitassero in aree di sinistra: io mi convinco sempre più che quando uno ha investito una propria proiezione fantastica su qualcosa diventa difficile scollarsene, malgrado le molte prove contrarie ... ed essere giovani è dura, specie di questi tmpi! Grazie a te Nino. Buona serata :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

20 giugno: la giornata mondiale del rifugiato

Come difendersi dalla psicopolizia

Il marchio di Caino (poesia)

L’ombra di Peter Pan