Amatriciana (ricetta)

Voi siete andati al mare stamattina: andiamo, confessate, non c'è mica niente di male!
Forse vi invidio un pò, ma a parte questo avete fatto benissimo: avrete portato con voi un panino e qualche frutto nella borsa frigo, ma comunque sia, prenderete il sole ed anche il vento oggi, perciò senza neanche accorgervene, vi troverete la pelle bella e scottata.
Quando c'è vento si sa: voi non sentite caldo e non ve ne accorgete, però ve ne accorgerete stanotte, quando  il sole sarà calato e voi cercherete di dormire... pazienza!
Prima di quel momento al vostro rientro in casa, a pomeriggio inoltrato, avrete voglia di pasta: un piatto caldo ci vuole, almeno una volta al giorno.

Certo così come siete stanchi ed accaldati non è che  potete proprio stare a preparare manicaretti, così non resta che optare per una bella amatriciana: la preparate in un quarto d'ora, praticamente mettete a bollire l'acqua della pasta e contemporaneamente preparate il sughetto.
Vi occorrono per 4 persone:

  1. un mezzo kg di pomodorini freschi
  2. circa 250 gr. di pancetta a dadini
  3. una cipolla
  4. olio extravergine di oliva
  5. un peperoncino piccante
Bene in un tegamino mettete l'olio di oliva e fate soffriggere la pancetta finché sia rosolata e croccante, togliete la pancetta e conservatela in una ciotolina, poi nello stesso olio fate dorare un cipolla piccola affettata finemente (in alternativa una mezza cipolla, se vi sembra sia troppo grande) quindi quando la cipolla è rosolata a sua volta aggiungete i pomodori lavati, puliti e privati dei semi, coprite e lasciate cuocere il pomodoro. Si tratta di una cottura breve, non più di 10-15 minuti, insaporite col peperoncino piccante, aggiungete di nuovo la pancetta che avevate tolto  ed intanto, se l'acqua bolle, salate e mettete la pasta (di regola spaghetti o bucatini) quando la pasta è cotta, colatela e versatela nel tegamino del sugo, lasciandola saltare ed insaporire. Se piace potete aggiungere sui piatti una spolverata di pecorino grattugiato.
Buon appetito!

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Il bambino epilettico a scuola