Passa ai contenuti principali

Tecniche motivazionali: il training auto-assertivo funziona

Quello che noi siamo soliti definire training auto-assertivo, vale a dire la capacità di auto-convincersi della propria capacità di fare meglio ed ottenere risultati più soddisfacenti, sembra che funzioni realmente e l'efficacia della tecnica è stata vagliata attraverso una sperimentazione on line: si tratta di uno studio britannico svolto collateralmente ad una attività della BBC Lab UK, che ha visto la collaborazione di diverse Università ed i cui risultati sono stati pubblicati a Marzo di quest'anno sulla rivista Frontiers in Psychology

Gli autori hanno testato 44.742 persone in una attività competitiva on line, il compito è stato ripetuto 4 volte alla base per tutti e la prestazione è ovviamente migliorata con l'allenamento, poi a ciascuno è stato somministrato uno specifico intervento psicologico ed infine il compito è stato ancora ripetuto da ogni partecipante dopo l'intervento. Sono stati formati 12 diversi gruppi  con un 13° gruppo di controllo: per ciascun gruppo sono state utilizzate   modalità mirate a migliorare la prestazione. I partecipanti hanno ricevuto tre tipi di intervento: supporto di immagini, parlare a se stessi, pianificazione del tipo "se... allora" come ad esempio: "se comincio a dubitare di me stesso allora devo ricordare a me stesso che sono capace".

Nei risultati è stato dimostrato un incremento delle prestazioni, in tutti i partecipanti, ma risultati superiori al gruppo di controllo sono stati registrati in rapporto ad alcuni specifici interventi. Si è trattato di una sperimentazione estesa e complessa dove l'efficacia relativa di ciascun tipo di intervento è stata confrontata e misurata statisticamente. Il parlare a se stessi e la concentrazione sull'obiettivo cioè prefigurarsi nel raggiungimento della meta e nelle strategie si sono rivelati gli strumenti più efficaci nell'incrementare il rendimento, mentre il supporto didattico sembra fornire un aiuto più debole. Insomma il ripetere a se stessi: "posso fare di meglio la prossima volta" sembra sia  un accorgimento semplice ed efficace nel migliorare la performance reale. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Fare del male, essere capaci di farne anche consapevolmente e volontariamente non definisce esattamente il concetto di cattiveria. In realtà tutti siamo capaci di fare del male e tutti ne abbiamo fatto almeno  qualche volta nel corso della nostra vita: può capitare di farne senza rendersene esattamente conto, semplicemente perché non si è prestata attenzione ad un determinato aspetto o conseguenza di una azione e non si è quindi riusciti a valutarne gli effetti in maniera completa, altre volte accade perché siamo tesi emotivamente al raggiungimento di un nostro obiettivo e non risparmiamo mezzi  oppure perché dobbiamo difenderci e/o tutelare qualcosa per noi importante e rispondere alle aggressioni o invasioni altrui.
Non esiste nessuna persona umana vivente sulla terra che non abbia mai fatto del male: ciascuno di noi ospita dentro di sé sentimenti positivi e negativi e non sono esclusivamente i primi ad ispirare le nostre azioni.

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Voi vi chiederete il perché di una curiosità così insolita e potenzialmente controversa ed anche il perché proprio sette poesie: il motivo forse è che ho amato la corrente cosiddetta ermetica o anche perché un elenco limitato ben si coniuga con le poche parole della poesia breve ed infine perché sia l'uno che l'altra contengono un non so che di oracolare, che viene più facilmente impresso nella mente.

IL NUMERO
Sette è un numero magico: è uno dei più importanti numeri primi (cosiddetti) ed in qualche modo c'è sempre una mitologia che accompagna i principali numeri primi:

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Ebbene bisogna proprio sopportarmi: rieccomi con una delle mie spigolature, pescate tra le frasi fatte dell'antica saggezza popolare!
Non vi crucciate: pensate a quanto sopporto io che non posso separarmi da me stessa in nessun momento della mia vita! Dura, eh?

 "CHI PECORA SI FA, IL LUPO SE LA MANGIA" è un proverbio che si presta ad una riflessione tanto profonda quanto realistica: cos'è infatti che stimola l'aggressività del predatore? A parte la fame (che di per sé suscita rabbia, almeno finché si è ancora  in forze). Bene: una delle caratteristiche della preda ideale è la sua debolezza.