La fiducia è una cosa seria ...

02/10/2013

Lo so cosa state pensando: giuro che Galbani non mi ha pagato: neanche un centesimo, anzi se non stiamo attenti potrebbe querelarci, perché certo loro si sottoporranno ai controlli di legge, dico, col cibo mica si scherza, vogliono fare i seri, hanno tradizione e i paragoni potrebbero non gradirli.
Se dovete mangiare una cosa dovete essere sicuri che non sia scaduta, né tossica, minimo.
Magari se fosse anche buona, appetibile dico ... non mancano le pretese qui: insomma la fiducia è una cosa seria e si da alle cose serie, sarà l'età.

 Ricorrono i ricordi di quando s'era bambini: che festa il carosello, ma a scanso di equivoci, io i formaggini li ho sempre detestati figurarsi ...
Cambiano i tempi: mo ci abbiamo il formaggino letta o alfetta che dir si voglia.
Dicono che è buono: certe malelingue hanno messo voce che sia stata alterata (riveduta e corretta) la data di scadenza. 
Ma voi lo immaginate? Quello già non mi piace il formaggino, nemmeno il Mio, figuriamoci il letta che già dal nome sente di sottomarca, una filiale dicono, nipotale forse, insomma imparentato, sapete il nepotismo, quelle cose lì. Una marca equivoca praticamente: non si sa dove venga fabbricato ...
Ma dicono che è nutriente e saporito e fa bene alle ossa, no, mi confondo, quello era il Galbani: questo dice che farà bene allo spread e ci tocca sciropparcelo stile olio di ricino, naso tappato ed imbuto ...
Certo questo spread è peggio di un menhir di Obelix: a starci seduti sopra non è comodo.
Il programma completo prevede che il popolo italiano si accomodi sul menhir e tracanni il formaggino letta sempre a narici tappate e con l'imbuto ...
Chi può evada ... pardon emigri, vedete voi!

Commenti

Post più popolari