Passa ai contenuti principali

IL FILO DI ARIANNA ovvero spunti e suggerimenti per il vostro viaggio interiore


Dedicherò questi pensieri a tutte le persone che fanno fatica a vivere in pace con sé stessi, giacché vivere in pace col mondo non sempre è possibile, né consigliabile …
Non è necessario essere, né sentirsi malati per intraprendere il viaggio, ma di solito è una situazione di malessere a funzionare da stimolo. Infatti finché una qualsiasi cosa funziona, raramente ci preoccupiamo di sapere ”come” funziona, al massimo ci interessa imparare ad usarla … è quando si guasta e ci fa penare che tutti ci improvvisiamo tecnici e proviamo a comprenderne il meccanismo per riparare il guasto.



(**) Da questo punto di vista dobbiamo riconoscere che anche i nostri malesseri e sofferenze possono rappresentare una risorsa che, nel migliore dei casi, ci spinge ad approfondire la conoscenza che abbiamo di noi stessi, ad allargare lo spazio dell’io, ad affinare i nostri meccanismi di difesa ed, in una sola parola, a crescere.

Cominciamo col dire che le categorie diagnostiche della psichiatria poco ci interessano: nevrotico fa rima con psicotico ed anche con normotico. Se uno vuol proprio cercare la rima … Se ritenete che la cosa possa avere per voi un qualche interesse continuate la lettura, diversamente continuate a modo vostro e buona fortuna!
Primo passo


Una cosa che capita a molte persone è svegliarsi, non necessariamente di mattina, ma anche in qualsiasi momento della giornata, e svegliarsi in senso metaforico più che letterale: ecco svegliarsi un giorno ed accorgersi di essere scontenti, di avere faticato molto, ma di non sentirsi appagati né punto, né poco dalla propria routine quotidiana, di sentirsi non amati e non capaci di ottenere i propri obiettivi, né di essere e rappresentare ciò che realmente si ritiene di essere o si desidera essere per sé stessi.

Altre persone, persone vicine, vogliono vedervi a modo loro, hanno confezionato per voi un o più ruoli che giocoforza vi tocca interpretare, magari li avete un po’ scelti, magari … un qualcosa, ma ora vi stanno stretti ed è molto difficile districarvi. Se avete permesso a qualsiasi altra persona (specie il grande amore della vostra vita) di imporvi la sua definizione di voi e non siete stati voi a definire voi stessi o quanto meno a contrattare con l’altro questa definizione, prima o poi la cosa verrà a galla: c’è chi diventa ansioso, chi ha crisi di panico, chi si deprime e via dicendo. Il fatto è che forse avete ritenuto che gli altri fossero più importanti e loro ne sono stati ben contenti, ci hanno creduto seriamente, si sentono più importanti e tendono a svalutarvi più di quanto abbiate già fatto voi stessi …


Il guaio è che vi vivrete la colpa per la vostra insoddisfazione e la vostra rabbia e potreste cominciare a sentirvi confusi …  Ammalarsi sembra una buona soluzione, perché chi è malato ha il diritto riconosciuto di pensare solo a sé stesso, almeno finché guarisce. Attenzione, non è che un inganno: uno potrebbe ammalarsi davvero, soprattutto se ha così poca considerazione di sé da non ritenersi meritevole di dedicare a sé stesso uno spazio senza doversene scusare o giustificare con nessuno. Ammalarsi davvero non conviene, perciò il vostro primo passo sarà: dedicate a voi stesso uno spazio senza bisogno di ammalarvi e considerate il momento, come si diceva nel preambolo, un’occasione di crescita …
( …continuerò)

Commenti

Posta un commento

Allora? Che ne pensi?

Post popolari in questo blog

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Fare del male, essere capaci di farne anche consapevolmente e volontariamente non definisce esattamente il concetto di cattiveria. In realtà tutti siamo capaci di fare del male e tutti ne abbiamo fatto almeno  qualche volta nel corso della nostra vita: può capitare di farne senza rendersene esattamente conto, semplicemente perché non si è prestata attenzione ad un determinato aspetto o conseguenza di una azione e non si è quindi riusciti a valutarne gli effetti in maniera completa, altre volte accade perché siamo tesi emotivamente al raggiungimento di un nostro obiettivo e non risparmiamo mezzi  oppure perché dobbiamo difenderci e/o tutelare qualcosa per noi importante e rispondere alle aggressioni o invasioni altrui.
Non esiste nessuna persona umana vivente sulla terra che non abbia mai fatto del male: ciascuno di noi ospita dentro di sé sentimenti positivi e negativi e non sono esclusivamente i primi ad ispirare le nostre azioni.

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Voi vi chiederete il perché di una curiosità così insolita e potenzialmente controversa ed anche il perché proprio sette poesie: il motivo forse è che ho amato la corrente cosiddetta ermetica o anche perché un elenco limitato ben si coniuga con le poche parole della poesia breve ed infine perché sia l'uno che l'altra contengono un non so che di oracolare, che viene più facilmente impresso nella mente.

IL NUMERO
Sette è un numero magico: è uno dei più importanti numeri primi (cosiddetti) ed in qualche modo c'è sempre una mitologia che accompagna i principali numeri primi:

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Ebbene bisogna proprio sopportarmi: rieccomi con una delle mie spigolature, pescate tra le frasi fatte dell'antica saggezza popolare!
Non vi crucciate: pensate a quanto sopporto io che non posso separarmi da me stessa in nessun momento della mia vita! Dura, eh?

 "CHI PECORA SI FA, IL LUPO SE LA MANGIA" è un proverbio che si presta ad una riflessione tanto profonda quanto realistica: cos'è infatti che stimola l'aggressività del predatore? A parte la fame (che di per sé suscita rabbia, almeno finché si è ancora  in forze). Bene: una delle caratteristiche della preda ideale è la sua debolezza.