Passa ai contenuti principali

Mangiare in estate: insalate di frutta e yogurt (ricetta)

Cari amici ed amiche (senza discriminazione di genere, compresi gli eventuali neutri e gli angeli del cui sesso discuteremo in sede separata ed appropriata) mi sono accorta che da parecchio tempo qui non parliamo di ricette e di cibo.
Lo so fa caldo e l'appetito è scarso, in più dobbiamo riuscire ad entrare decorosamente in un costume da bagno e molti di noi sono a dieta (cosa di cui abbiamo già a suo tempo disquisito in forma spero esaustiva) ma io posso mai lasciarvi a digiuno per l'intera estate? Ne sarei colpevole di sicuro, né potrei perdonarmi se la grande fame giungesse a mietere vittime fra voi e dunque eccomi con un paio di suggerimenti, che benché scontati mi auguro possano tornarvi utili nei giorni di maggiore caldo.

In primo luogo dovremo optare per una alimentazione leggera, ricca di liquidi e sali minerali da consumarsi preferibilmente nelle ore più fresche del giorno. Eviteremo con cura manicaretti elaborati ed altre specialità che richiedano una digestione laboriosa, perché poi  tra la vasodilatazione periferica indotta dalla temperatura esterna e l'afflusso massiccio di sangue nell'apparato digerente per la fatica di assimilare cose complicate, non ci sarebbe da stupirsi se ci  sentissimo poi abbattuti, al minimo, ma non voglio spaventarvi: insomma, state leggeri e non se ne parli più.


Di cosa parliamo dunque oggi?
Delle insalate verdi mi pare di avere già raccontato qualcosa in tempi non sospetti e quindi ora parleremo delle insalate di frutta, non intendo macedonie, ma proprio insalate, così faremo assurgere la frutta alla dignità di pasto, ovvero piatto unico!
Attenzione, molti di noi pur adorando la frutta, devono fare i conti col colletto scoperto dei denti: eh si, è tanto buona la frutta, ma è acidula e tende quindi a danneggiare i denti, se la vostra gengiva poi si è un pò ritirata ed il colletto è scoperto lo avvertirete senza dubbio. Il vantaggio è che la frutta estiva è abbastanza morbida e non dovrete sforzarvi tantissimo per masticarla, evitate di consumarla selvaggiamente a morsi: civilizziamoci! Noi prendiamo un pò di frutta mista di stagione, la sbucciamo, la tagliamo a pezzi e sempre per evitare dispiaceri ai nostri denti, invece di aggiungervi zucchero e limone, potremo condirla con un paio di cucchiai di yogurt.
Il limone possiamo sempre affettarlo ed aggiungerlo all'acqua da bere, così non sarà necessario rimestarlo fra i denti e l'insalata di frutta con lo  yogurt è un'ottima colazione, ma anche cena o spuntino.
La vostra estate sarà fresca, il palato soddisfatto e voi entrerete nel costume: che volete di più?

Commenti

Post popolari in questo blog

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Fare del male, essere capaci di farne anche consapevolmente e volontariamente non definisce esattamente il concetto di cattiveria. In realtà tutti siamo capaci di fare del male e tutti ne abbiamo fatto almeno  qualche volta nel corso della nostra vita: può capitare di farne senza rendersene esattamente conto, semplicemente perché non si è prestata attenzione ad un determinato aspetto o conseguenza di una azione e non si è quindi riusciti a valutarne gli effetti in maniera completa, altre volte accade perché siamo tesi emotivamente al raggiungimento di un nostro obiettivo e non risparmiamo mezzi  oppure perché dobbiamo difenderci e/o tutelare qualcosa per noi importante e rispondere alle aggressioni o invasioni altrui.
Non esiste nessuna persona umana vivente sulla terra che non abbia mai fatto del male: ciascuno di noi ospita dentro di sé sentimenti positivi e negativi e non sono esclusivamente i primi ad ispirare le nostre azioni.

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Voi vi chiederete il perché di una curiosità così insolita e potenzialmente controversa ed anche il perché proprio sette poesie: il motivo forse è che ho amato la corrente cosiddetta ermetica o anche perché un elenco limitato ben si coniuga con le poche parole della poesia breve ed infine perché sia l'uno che l'altra contengono un non so che di oracolare, che viene più facilmente impresso nella mente.

IL NUMERO
Sette è un numero magico: è uno dei più importanti numeri primi (cosiddetti) ed in qualche modo c'è sempre una mitologia che accompagna i principali numeri primi:

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Ebbene bisogna proprio sopportarmi: rieccomi con una delle mie spigolature, pescate tra le frasi fatte dell'antica saggezza popolare!
Non vi crucciate: pensate a quanto sopporto io che non posso separarmi da me stessa in nessun momento della mia vita! Dura, eh?

 "CHI PECORA SI FA, IL LUPO SE LA MANGIA" è un proverbio che si presta ad una riflessione tanto profonda quanto realistica: cos'è infatti che stimola l'aggressività del predatore? A parte la fame (che di per sé suscita rabbia, almeno finché si è ancora  in forze). Bene: una delle caratteristiche della preda ideale è la sua debolezza.