Mangiare bene stando poco ai fornelli: ricetta domenicale veloce. Le scaloppine al vino bianco

20/10/2013

Cari amici,  qualcuno di voi ormai avrà imparato che questo della domenica è anche il nostro spazio di relax dove ci concediamo una piccola chiacchierata come in un breve diario personale.

Ecco, oggi è domenica infatti e mi auguro che voi l'abbiate fin qui trascorsa bene senza troppo sgobbare ai fornelli, perché  la domenica tutti si mettono in testa di invitare a destra ed a manca per stare in compagnia e divertirsi ... loro!
Certo potete sempre provare a coinvolgere tutti nella interessante ed allegra attività culinaria, ma non è scritto  in nessun libro che riuscirete ad avere successo in questa vostra attività di proselitismo gastronomico.

Stando così le cose e volendo regalare anche a voi stessi un giorno di meritato riposo, io vi  suggerirei di programmare un pasto che sia gustoso, veloce e non impegnativo nella preparazione.

Ad esempio: comprate la pasta fresca ed avrete un primo speciale anche se la condite col burro o con una salsetta di pomodoro semplice e veloce.
Non volete comprare la pasta fresca? Usate le tagliatelle e conditele con besciamella e prosciutto cotto a pezzetti.
 Non vi interessano le tagliatelle? Che ne dite di uno spaghetto al filetto di pomodoro? Semplice, veloce ed economico (squisito fra l'altro) però guardate, se neanche lo spaghetto vi va bene, allora non è per nulla, ma decidete da soli cosa fare per primo ed io mi limiterò a suggerirvi la pietanza!

Allora come secondo voi preparerete le scaloppine al vino bianco. La cosa è semplicissima: voi comprate le scaloppine dal macellaio in numero pari a quello dei commensali, casomai una o due in più nel caso qualcuno chiedesse il bis, vi occorrono poi burro, farina,  vino bianco ed  infine un pizzico di sale ovviamente.

Fate sciogliere il burro in un tegamino coperto ed abbastanza grande da potervi disporre le scaloppine, infarnate la carne ed adagiate le fettine sul fondo della teglia, dovete girarle, quando sono cotte dal primo lato. Una volta rosolate da entrambi i lati aggiungete una tazzina da caffé di vino bianco e lasciate evaporare, dopodiché coprite e lasciate cuocere ancora un pochino, ma evitate che si asciughi del tutto il sughetto: devono essere tenere, non secche.
Spegnete e lasciate coperto.
Potete servirle con contorno di patate (anche in insalata) o verdure.
Buon appetito e buon riposo ...

Commenti

  1. A breve posterò una delle tue ricette relative al contest "Le ricette tradizionali..."
    Simonetta

    RispondiElimina

Posta un commento

Allora? Che ne pensi?

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Dalla parte dei bambini

Mercato immobiliare: cresce il volume di compravendite

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Riparte il mercato immobiliare in Italia: exploit dei mutui