Lenti magiche: punti di vista nel caleidoscopio

09/12/2013

Capita a volte di trovarsi da soli a guardare il cielo di fronte.
Il brusio della folla alle spalle, ovattato nella distanza: come galleggiare nell'aria in una bolla d'acqua, una specie di incantesimo, che in ogni istante può precipitare ed infrangersi.

Guardando  attraverso la parete sottile dell'acqua, riconosci in ogni cosa il suo  arcobaleno nascosto.


Ogni immagine iridescente stira e contorce le forme in un flusso continuo che circola chiuso nella bolla tremolante e cambia, senza ripetere in nessun momento la fugacità di un singolo attimo.

Come affondare i piedi nelle nubi soffici di neve fresca,  senza mai toccare la roccia.

Roccia di durissimo diamante: il riverbero accecante del cristallo domina ed imprigiona.
Se pur si riesca a vedere qualcosa, si può vederla in un'unica forma, una realtà filtrata ed intoccabile, smarrita nello spessore dei minerali trasparenti.

Solo la bolla d'acqua ti culla nel viaggio ipnotico, attraverso lo sguardo.
Solo incantano i multiformi colori in movimento  galleggianti nell'aria, mentre di sotto il mare inghiotte la roccia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

L’ombra di Peter Pan

26 giugno: giornata internazionale per le vittime di tortura

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

A proposito di blog