Passa ai contenuti principali

Stiamo tutti pensando al cenone di fine anno

Cari amici, è ora che cominciamo a prepararci per la cena di San Silvestro: dobbiamo provvedere per tempo, almeno per quegli ingredienti che non devono essere freschi di giornata ... insomma, ci toccherà alzarci presto la mattina del 31 dicembre per andare al mercato del pesce, ma facciamo in modo di avere già in casa tutto il resto. Alcuni di  noi trascorreranno il fine anno in vacanza o al ristorante, altri invece non rinunceranno alle comodità della propria casa.
Già sappiamo che non dovremo esagerare col cibo: non bastavano i problemi della pressione, del diabete, del colesterolo alto, del cuore e dell'ulcera e pure dell'ictus, macché!
Di recente ci hanno fatto sapere che un eccessiva assunzione di zuccheri compromette irrimediabilmente la memoria, causando danni permanenti ...

Sentite: dico io, un esperimento sui topi, un primo esperimento e già tutti in allarme, ma vi assicuro che se la cosa dovesse risultare confermata, denuncerò il laboratorio che in gioventù mi obbligò a bere due tre bicchieroni di sciroppo dolcissimo e disgustoso con la scusa di farmi la curva da carico di glucosio ...
Ecco, lo sapevo: già state ridacchiando e pensando male, mi sembra di vedervi col sorriso angelico ed il tono mellifluo ed insinuante mentre osservate con (finta) noncuranza:
"questo spiegherebbe alcune cose, mia cara ..." 
Siete maliziosi, ecco la verità! Eh sì, il carico di zuccheri me lo hanno dato ed ero giovanissima e priva di difese, poi mi ci avevano portato mamma e papà ... sono quelle situazioni a cui non ci si può sottrarre: comunque sia, è andata ... ci toccherà adattarci, ma torniamo al cenone: fate in modo che le porzioni siano piccole, se prevedete diverse portate oppure limitatevi al primo ed al secondo: ciò che conta è la qualità!

Ecco lo sapevo: proprio in questo momento abbiamo avvertito una bella scossa tellurica ....
Terremoto, gente: ho controllato: epicentro in provincia di Caserta in prossimità del confine col Molise, intensità 4,9  durata 15  secondi ... tutto bene sembra non vi siano stati danni.

Torniamo al cenone ... un primo ed un secondo, insalata e frittura, poi ci sono i dolci ed a mezzanotte il classico pandoro ed il cotechino con le lenticchie.
Il presidente Napolitano ci farà un discorso a fine anno, più o meno quando staremo per metterci a tavola, ma Grillo lo vuol fare anche lui (un presidente in pectore): sicuramente ci consiglieranno lenticchie e melograni per scongiurare la crisi, ma anche acini di uva. 
Dubito che abbiano altro da dire in merito.
Mangiate tutte le cose che per tradizione si ritiene portino fortuna, nel senso che sono destinate a tradursi in monete che entreranno nelle nostre tasche ... quindi, mi raccomando le lenticchie!
Oltretutto contengono ferro, ma devo sconsigliarle se soffrite di colite ... chi soffre di colite dovrà rassegnarsi: o sperare in un ricco 2014 mangiando lenticchie e sciroppandosi i mal di pancia al primo dell'anno o rinunciare ad arricchirsi ... non si può avere tutto!
Potremo sempre buttarci sul melograno,  frutto affascinante e misterioso il melograno, con le sue camere velate e piene  di chicchi.
Non rinunciate ad un pò di cioccolato: a parte le virtù antidepressive dei suoi componenti, pare che l'ennesima ricerca abbia dimostrato che chi mangia cioccolato è magro.
Prendete anche questo con beneficio d'inventario e tenete d'occhio comunque la colesterolemia ..
Naturalmente non eccedete nel bere alcolici.
Lo so, voi dite: se uno non può ubriacarsi a capodanno, quando lo può fare?
Mai ovvio, vi dovete solo togliere il vizio ...
Il brindisi è d'obbligo: avrete vicine le persone più care.
Vi conforterà sapere che nessuna ricerca ha evidenziato danni per eccesso di effusioni affettive ....
Baci. Buon anno a tutti! ...

Commenti

Post popolari in questo blog

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Fare del male, essere capaci di farne anche consapevolmente e volontariamente non definisce esattamente il concetto di cattiveria. In realtà tutti siamo capaci di fare del male e tutti ne abbiamo fatto almeno  qualche volta nel corso della nostra vita: può capitare di farne senza rendersene esattamente conto, semplicemente perché non si è prestata attenzione ad un determinato aspetto o conseguenza di una azione e non si è quindi riusciti a valutarne gli effetti in maniera completa, altre volte accade perché siamo tesi emotivamente al raggiungimento di un nostro obiettivo e non risparmiamo mezzi  oppure perché dobbiamo difenderci e/o tutelare qualcosa per noi importante e rispondere alle aggressioni o invasioni altrui.
Non esiste nessuna persona umana vivente sulla terra che non abbia mai fatto del male: ciascuno di noi ospita dentro di sé sentimenti positivi e negativi e non sono esclusivamente i primi ad ispirare le nostre azioni.

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Voi vi chiederete il perché di una curiosità così insolita e potenzialmente controversa ed anche il perché proprio sette poesie: il motivo forse è che ho amato la corrente cosiddetta ermetica o anche perché un elenco limitato ben si coniuga con le poche parole della poesia breve ed infine perché sia l'uno che l'altra contengono un non so che di oracolare, che viene più facilmente impresso nella mente.

IL NUMERO
Sette è un numero magico: è uno dei più importanti numeri primi (cosiddetti) ed in qualche modo c'è sempre una mitologia che accompagna i principali numeri primi:

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Ebbene bisogna proprio sopportarmi: rieccomi con una delle mie spigolature, pescate tra le frasi fatte dell'antica saggezza popolare!
Non vi crucciate: pensate a quanto sopporto io che non posso separarmi da me stessa in nessun momento della mia vita! Dura, eh?

 "CHI PECORA SI FA, IL LUPO SE LA MANGIA" è un proverbio che si presta ad una riflessione tanto profonda quanto realistica: cos'è infatti che stimola l'aggressività del predatore? A parte la fame (che di per sé suscita rabbia, almeno finché si è ancora  in forze). Bene: una delle caratteristiche della preda ideale è la sua debolezza.