Passa ai contenuti principali

Un nuovo test per la diagnosi prenatale delle malattie genetiche

Si chiama PrenatalSafe il nuovo test, che con un semplice esame del sangue materno è in grado di individuare alcune tra le più frequenti malattie genetiche fetali. Indubbiamente vantaggioso rispetto alla amniocentesi, trattandosi di un esame meno invasivo e fastidioso che non implica alcun rischio di aborto, calcolato invece tra lo 0,1% e lo 0.03% secondo le diverse statistiche in caso di amniocentesi .
L'amniocentesi infatti consiste in un prelievo di liquido amniotico per via transaddominale e può essere effettuato a partire dalla 14°-15°  settimana di gestazione: il prelievo dalla cavità uterina di liquido amniotico consente l'esame del cariotipo del nascituro con un ottimo margine di attendibilità e correttezza.

Altre tecniche fondate su di un semplice prelievo ematico del sangue materno fino ad oggi non garantivano la stessa attendibilità, ma venivano effettuate  per valutare il rischio ed eventualmente procedere con l'amniocentesi, che comunque resta indicata in caso di positività del test ematico.
Ora è stato sperimentato, sembra con risultati eccellenti, questo nuovo test, il PrenatalSafe, appunto che rispetto alla diagnosi prenatale, ad esempio della sindrome di Down, rivela una attendibilità pari al 99,9%.
Il test è stato praticato con successo e si avvale della tecnica di sequenziamento massivo parallelo del genoma fetale, isolato dal sangue della madre.
Il prelievo utile all'isolamento del genoma fetale circolante nel sangue materno può essere fatto a partire dalla 10° settimana di gestazione e le anomalie cromosomiche che possono essere diagnosticate sono:
la trisomia 21 (sindrome di Down) con attendibilità del 99,9%
la trisomia 18 (sindrome di Edwards) con attendibilità del 99%
la trisomia 13 (sindrome di Patau) sempre col 99% di correttezza
la monosomia x (sindrome di Turner) al 95% di sensibilità e presenza di falsi negativi al 5%.
Vi è la possibilità di diagnosticare anche sindromi più rare, tra cui la sindrome di Klinefelter (xxy) ed altre aneuploidie rare (xxx, xyy)  ma circa la sensibilità e l'attendibilità nella diagnosi di queste forme (appunto perché assai più rare) non si dispone attualmente di dati.
Il test può essere interamente svolto in Italia dove vengono eseguiti anche gli esami di laboratorio, sicché i tempi di attesa per il referto si limitano ad una settimana circa.
il Centro che si occupa di praticare questa tecnica di esame si trova a Roma, ma assiste anche persone in tutta Italia attraverso una rete di servizi di prelievo e spedizione.


Commenti

  1. Salvo che poi in caso di esito positivo non ci si ritrovi con lo staff medico che dovrebbe effettuare un aborto terapeutico contrario a tale pratica...

    RispondiElimina
  2. .... per carità :( che ne parliamo a fare?? come se per una donna non fosse già abbastanza doloroso ed umiliante ...

    RispondiElimina

Posta un commento

Allora? Che ne pensi?

Post popolari in questo blog

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Fare del male, essere capaci di farne anche consapevolmente e volontariamente non definisce esattamente il concetto di cattiveria. In realtà tutti siamo capaci di fare del male e tutti ne abbiamo fatto almeno  qualche volta nel corso della nostra vita: può capitare di farne senza rendersene esattamente conto, semplicemente perché non si è prestata attenzione ad un determinato aspetto o conseguenza di una azione e non si è quindi riusciti a valutarne gli effetti in maniera completa, altre volte accade perché siamo tesi emotivamente al raggiungimento di un nostro obiettivo e non risparmiamo mezzi  oppure perché dobbiamo difenderci e/o tutelare qualcosa per noi importante e rispondere alle aggressioni o invasioni altrui.
Non esiste nessuna persona umana vivente sulla terra che non abbia mai fatto del male: ciascuno di noi ospita dentro di sé sentimenti positivi e negativi e non sono esclusivamente i primi ad ispirare le nostre azioni.

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Voi vi chiederete il perché di una curiosità così insolita e potenzialmente controversa ed anche il perché proprio sette poesie: il motivo forse è che ho amato la corrente cosiddetta ermetica o anche perché un elenco limitato ben si coniuga con le poche parole della poesia breve ed infine perché sia l'uno che l'altra contengono un non so che di oracolare, che viene più facilmente impresso nella mente.

IL NUMERO
Sette è un numero magico: è uno dei più importanti numeri primi (cosiddetti) ed in qualche modo c'è sempre una mitologia che accompagna i principali numeri primi:

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Ebbene bisogna proprio sopportarmi: rieccomi con una delle mie spigolature, pescate tra le frasi fatte dell'antica saggezza popolare!
Non vi crucciate: pensate a quanto sopporto io che non posso separarmi da me stessa in nessun momento della mia vita! Dura, eh?

 "CHI PECORA SI FA, IL LUPO SE LA MANGIA" è un proverbio che si presta ad una riflessione tanto profonda quanto realistica: cos'è infatti che stimola l'aggressività del predatore? A parte la fame (che di per sé suscita rabbia, almeno finché si è ancora  in forze). Bene: una delle caratteristiche della preda ideale è la sua debolezza.