Tipologia dei gruppi sociali

Inutile che io stia qui a ripetervi che l'homo sapiens sapiens è un animale sociale: mi auguro che questa sia nozione conosciuta e consolidata in tutti noi. La specie umana tende ad aggregarsi in gruppi ed a muoversi solitamente anche in gruppo per affrontare la natura e/o le comuni vicende della vita.
Cosa spinge gli individui ad aggregarsi in gruppi?
La risposta a questa domanda si compone di diverse motivazioni: in una società primitiva, come avviene per altre specie che si aggregano in branco, il gruppo rappresentava una forza capace di garantire un miglior successo nella caccia e nella conquista di territori contro tribù rivali.
Il gruppo quindi ha il senso di conferire forza e di conseguenza protezione rispetto a ciascun singolo membro.
Rispetto all'individuo, il gruppo ha anche la funzione di soddisfare  il suo bisogno di comunicazione e la sua esigenza di convalida rispetto alla propria identità ed alla immagine di sé che si è formata o vuole costruirsi.

Tutti i gruppi sociali si aggregano sulla base di affinità e comunanza di intenti, obiettivi o spazi, ivi incluso la prima cellula, ovvero il nucleo familiare dove si condividono l'affettività, il progetto di vita, l'allevamento della prole e la socialità rispetto ai più ampi gruppi di appartenenza.
Oggi nelle nostre attuali condizioni di civiltà io ritengo che i gruppi vadano classificati in base ad una loro caratteristica prevalente data dalla necessità o meno di appartenenza.
La famiglia, benché sia un gruppo connotato prevalentemente da una condivisione affettiva è caratterizzata da una intensa necessità, oltre che incontrovertibilità, di appartenenza: nessuno di noi ha scelto i propri genitori, né i propri fratelli e sorelle, sono persone con le quali ci siamo trovati a convivere ed a condividere spazi vitali fin dalla nascita, senza che a monte vi fosse una nostra scelta delle persone. La scelta a monte è quella fatta dalla coppia, che però a sua volta si crea tali vincoli mettendo al mondo figli, da rendere molto difficile sia sul piano affettivo che su quello economico lo scioglimento del legame ...
La famiglia è dunque un gruppo con  legame prevalentemente obbligatorio, come il gruppo del vicinato o quello dell'ambiente di lavoro: in questi casi non scegliamo le persone, ma siamo obbligati al rapporto per la contiguità fisica o per la necessità di condividere l'attività produttiva finalizzata ad uno scopo comune ed in tutti questi casi la risoluzione del rapporto comporterebbe difficoltà, laboriosità e disagi.
L'altra tipologia di gruppo sociale è quello fondato sulla scelta dei membri e dell'appartenenza, data dall'affinità culturale, di interessi e gusti: un tipo di legame che chiameremo prevalentemente ricreativo.

A questo punto è chiaro che è all'interno dei gruppi con legame obbligato che nascono e si sviluppano i sentimenti ed i coinvolgimenti più intensi tanto nel positivo che nel negativo, perché è evidente che se il commesso di una rivendita si dimostra maleducato nei miei riguardi, io posso non tornare più nel suo negozio e smettere di pensarci, ma se quel comportamento l'ha tenuto verso di me mio fratello è molto difficile che io rinunci a tornare a casa, dunque non mi resterà altro da fare che tenergli il broncio e rimuginarci ....
Sarebbe però un errore credere che amiamo di più le persone che noi stessi abbiamo scelto: in realtà esistono legami di tipo ricreativo caratterizzati da profonda affettività (le famose vere amicizie nel senso proprio del termine) ma anche rapporti puramente utilitaristici (la compagnia per uscire e simili) così come esistono rapporti con legame prevalentemente obbligato all'interno della famiglia e/o vicinato e gruppi di lavoro caratterizzati da profonda stima e reciproco amore e rispetto, così come situazioni insanabilmente conflittuali, che non di rado sfociano in tragedie, quando venga meno la capacità personale di svincolarsi ....
Per oggi mi limiterò a questa prima classificazione: in un secondo momento proverò a parlare delle relazioni individuo-gruppo, della struttura dei rapporti interni ai vari tipi di gruppo ed infine dei rapporti di alleanza o competizione tra gruppi differenti.


Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

La teoria dell'idiozia maschile: evidenze scientifiche

Il bambino epilettico a scuola