La scuola cade a pezzi!





Letteralmente la scuola cade a pezzi!
"Il risparmio non è mai guadagno"  è un antico proverbio popolare napoletano,  che vuol dire che quando si acquista qualcosa di scadente, per risparmiare sulla spesa, alla fine  ci  si andrà a perdere perché il prodotto di cattiva qualità non durerà a lungo e bisognerà ricomprarlo, vanificando quindi l'illusione di avere risparmiato oppure non funzionerà così bene come avrebbe potuto funzionare un oggetto di qualità migliore, etc.
Chi coniava questi proverbi era gente molto povera, beninteso, gente che non sceglieva di risparmiare, ma vi era costretta per penuria di denaro.
Da tempo imperversa la polemica sui tagli dei servizi e della scuola pubblica in particolare: durante lo scorso anno ci hanno mostrato aule prive dello stretto necessario, dove si doveva chiedere ai genitori di acquistare carta igienica, sapone e tovaglie di carta. Oggi apprendiamo dall'ANSA che a Ciampino, vicino Roma è caduto un pezzo di solaio in testa ad una bambina di 5 anni: la piccola è salva per miracolo (per miracolo ovvero per ipotizzato intervento divino).
Il ministro dell'istruzione Profumo telefona al preside della scuola: speriamo che poi gli dia i soldi per i lavori di manutenzione dell'edificio scolastico. Quelli non dovrebbero pagarli i genitori, anche perché pagano già le tasse che bisognerebbe investire appunto in quello. Da qualche parte, tuttavia, è successo anche questo, che le famiglie si siano fatte carico di lavori di manutenzione e rinnovamento!

Commenti

Post più popolari