Quasi un pensiero d'amore (poesia)

Vagare di menti svanite, salpate dal porto della nostra realtà: solo chi ha il coraggio di perdersi conosce la gioia di ritrovarsi e la sorpresa di scoprirsi e solo chi non teme di sognare e ricordarlo può esplorare il fondo risonante delle eco libere, i richiami delle sirene  ed i canti dei demoni dalle grotte dell'animo. 
Essere liberi dalla paura che inchioda le creature alla materialità meccanica, riduttiva e ripetitiva del proprio essere quotidiano. 



QUASI UN PENSIERO D'AMORE

La foschia inghiotte
il contorno azzurro,
quel familiare sputo
di terra schizzata
sulla superficie dell'acqua.

Se i pensieri fossero nebbia,
che sfuma e ingentilisce
o nasconde e poi squarcia
a un tratto, sul volto
del mondo
 nelle veglie oniriche
della umanità istupidita.

Se i palpiti fossero contati
in ogni petto che respira.
Se i sogni in vividi sbalzi
fossero l'unica verità
esistente in questa vita.

Allora io t'amerei
in silenzio
dilatando nella nebbia
lo sguardo
e soffiando goccioline:
nitido rotolare di rivoli
sui brividi della tua pelle
lucida di tepore.

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Il primo appuntamento

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Il cielo stellato (poesia)

Semel in anno licet insanire, ovvero il seme della follia

Il canto del dio del fiume (poesia)