Passa ai contenuti principali

Freddo e picchi influenzali: come difendersi

Dopo gli entusiasmi estatici scatenati dai paesaggi imbiancati anche alle latitudini più improbabili ed al livello del mare, ecco arrivare puntualmente di seguito starnuti, febbri, febbricole e sindromi influenzali.
In realtà il freddo riesce a fare più danni al sud che al nord per il semplice motivo che nelle zone dove la gente è meno abituata ad affrontare le temperature più rigide, mancano sia l'abitudine mentale che le attrezzature e gli indumenti necessari a proteggersi dal freddo.
Il Ministero della Salute ha pubblicato quindi un decalogo utile alla prevenzione delle conseguenze negative del freddo sulla salute. Il freddo non solo comporta un aumento del contagio influenzale, ma anche una riacutizzazione di diverse malattie croniche ed in particolare quelle dell'apparato respiratorio e cardiovascolare.

Cosa fare?
  • La temperatura degli ambienti interni va regolata tra i 18 ed i 21°C evitando comunque il passaggio repentino da un ambiente ben riscaldato ad uno gelido.
  • Va posta particolare attenzione sulla umidificazione dell'aria: alcuni sistemi di riscaldamento, infatti, rendono l'aria molto secca e questo può risultare irritante per le vie respiratorie con recrudescenza dei disturbi respiratori, specie dell'asma.
  • Areare regolarmente gli ambienti in modo da purificare l'aria da tutte le impurità che si accumulano al chiuso.
  • Controllare attentamente gli impianti di riscaldamento a combustione, in modo da prevenire le eventuali intossicazioni da monossido di carbonio, prodotto appunto dalla combustione.
  • Utilizzare correttamente stufe elettriche ed altro tipo di impianti in modo da prevenire ustioni, scosse elettriche o altri incidenti.
  • Evitare gli sbalzi di temperatura improvvisi.
  • Assistere con cura i più vulnerabili, come i bambini molto piccoli, gli anziani non autosufficienti ed i malati: è necessario che siano protetti con indumenti adeguati (sciarpe, cappelli di lana, etc) ed è utile controllarne periodicamente la temperatura corporea.
  • Se necessario uscire o viaggiare, munirsi di abbigliamento congruo, fornirsi di bevande calde e catene da neve per l'auto.
  • Tenersi in contatto con le persone anziane e/o altri soggetti a rischio che vivono soli, assicurandosi che siano forniti di tutto quanto loro necessario, così da non essere costretti ad uscire. Segnalare ai servizi pubblici la presenza di senza tetto in zona.
  • Valutare con l'aiuto del medico curante l'opportunità di vaccinarsi contro l'influenza: la vaccinazione è consigliata per gli ultra sessantacinquenni, per le persone con patologie croniche e per le donne al secondo e terzo trimestre di gravidanza.
Alcune raccomandazioni dettagliate sono state scritte per il Ministero dal dr. Giuliano Altamura, direttore della UOC di Cardiologia dell'Ospedale Pertini di Roma.
Nei neonati il sistema di termoregolazione è immaturo ed inoltre vi è un'elevata dissipazione di calore essendo alto il rapporto tra superficie cutanea e massa corporea, non è pertanto consigliabile uscire con bambini di età inferiore ai 3 mesi ed è opportuno inoltre controllarne la temperatura, per evitare che possano inavvertitamente scivolare in ipotermia.
Anche le persone anziane spesso hanno un sistema di temoregolazione non più perfettamente funzionante e e sono pertanto a loro volta soggetti a rischio.

In presenza di temperature esterne basse infatti, il nostro organismo reagisce in modo da conservare costante la temperatura interna: un sistema utile ad evitare la dispersione di prezioso calore è la vasocostrizione periferica. Si restringono i piccoli vasi sanguigni e la minore circolazione in superficie ed alle estremità consente di risparmiare calore, ma questo  causa anche innalzamento della pressione arteriosa ed aumento della viscosità ematica con maggiore rischio di episodi ischemici e di trombosi.
Il freddo danneggia anche l'apparato respiratorio sia riducendo la risposta immunitaria aspecifica per la vasocostrizione, sia per il danno diretto al'epitelio ciliato di rivestimento di trachea e grossi bronchi.
I tempi di latenza tra l'esposizione acuta al freddo e la comparsa di sintomi varia da 1-2 giorni per le patologie cardiache, fino a 5 giorni per l'ictus e 10 o 12 giorni per le malattie respiratorie.

Commenti

Post popolari in questo blog

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Fare del male, essere capaci di farne anche consapevolmente e volontariamente non definisce esattamente il concetto di cattiveria. In realtà tutti siamo capaci di fare del male e tutti ne abbiamo fatto almeno  qualche volta nel corso della nostra vita: può capitare di farne senza rendersene esattamente conto, semplicemente perché non si è prestata attenzione ad un determinato aspetto o conseguenza di una azione e non si è quindi riusciti a valutarne gli effetti in maniera completa, altre volte accade perché siamo tesi emotivamente al raggiungimento di un nostro obiettivo e non risparmiamo mezzi  oppure perché dobbiamo difenderci e/o tutelare qualcosa per noi importante e rispondere alle aggressioni o invasioni altrui.
Non esiste nessuna persona umana vivente sulla terra che non abbia mai fatto del male: ciascuno di noi ospita dentro di sé sentimenti positivi e negativi e non sono esclusivamente i primi ad ispirare le nostre azioni.

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Voi vi chiederete il perché di una curiosità così insolita e potenzialmente controversa ed anche il perché proprio sette poesie: il motivo forse è che ho amato la corrente cosiddetta ermetica o anche perché un elenco limitato ben si coniuga con le poche parole della poesia breve ed infine perché sia l'uno che l'altra contengono un non so che di oracolare, che viene più facilmente impresso nella mente.

IL NUMERO
Sette è un numero magico: è uno dei più importanti numeri primi (cosiddetti) ed in qualche modo c'è sempre una mitologia che accompagna i principali numeri primi:

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Ebbene bisogna proprio sopportarmi: rieccomi con una delle mie spigolature, pescate tra le frasi fatte dell'antica saggezza popolare!
Non vi crucciate: pensate a quanto sopporto io che non posso separarmi da me stessa in nessun momento della mia vita! Dura, eh?

 "CHI PECORA SI FA, IL LUPO SE LA MANGIA" è un proverbio che si presta ad una riflessione tanto profonda quanto realistica: cos'è infatti che stimola l'aggressività del predatore? A parte la fame (che di per sé suscita rabbia, almeno finché si è ancora  in forze). Bene: una delle caratteristiche della preda ideale è la sua debolezza.