Passa ai contenuti principali

Se vuoi che tuo figlio ti ami, lascialo in pace: lo consiglia la scienza.

Controllare eccessivamente i propri bambini ed interferire troppo nelle loro attività, dirigendole verso gli obiettivi che noi desideriamo, è una tecnica controproducente sul piano educativo e capace anche di danneggiare la relazione con nostro figlio. La cosa è stata recentemente comprovata in una ricerca sperimentale, ma prima di presentarne i risultati, è bene mettere in chiaro alcune considerazioni di base. La relazione madre-figlio nelle prime fasi della vita è il rapporto di interdipendenza più stretto che sia possibile trovare in natura. Nella specie umana il bambino dipende dalla madre per la sua sopravvivenza fisica, ma in gran parte anche per il suo sviluppo affettivo e la sua capacità di individuarsi, strutturarsi e stabilire relazioni. La madre dal canto suo, soprattutto se è madre per la prima volta, sperimenta attraverso il bambino la sua capacità di essere una madre adeguata, nella ridefinizione di identità che questo particolare momento della sua crescita personale comporta.

In alcune situazioni particolari come l'insicurezza rispetto alle proprie capacità di essere all'altezza del ruolo (fisiologica in qualche misura) ansia o isolamento della madre, la relazione col piccolo rischia facilmente di diventare "sovraccarica": in letteratura sono descritte relazioni sovraccariche intrusive e relazioni sovraccariche di controllo.

  • Ma cosa si intende per relazione sovraccarica? 
Ciascuna persona esprime all'interno della propria rete di rapporti sociali una serie di esigenze intellettuali ed emotive, che vengono distribuite appropriatamente (nel migliore dei casi) calibrandole all'interno di ciascun rapporto in base all'altra o alle altre persone: le relazioni tendono a divenire sovraccariche nel momento in cui le persone coinvolte non fruiscono di una rete ricca e multiforme di rapporti sociali nel cui ambito esprimersi. Se la/e persone con cui posso pormi in comunicazione sono in numero troppo ridotto, al limite una soltanto, va da sè che tenderò a caricare su quell'unica relazione ogni mia esigenza, senza tenere necessariamente conto delle capacità recettive e di comprensione, nonché dei bisogni specifici dell'altro. L'altro farà altrettanto se si trova nella stessa situazione.
Un peso eccessivo caricato su di un'unica corda la renderà molto tesa, al limite la spezzerà.

Queste considerazioni generali valgono naturalmente per ogni tipo di relazione ed anche per quella madre-figlio. In altre parole, riuscire a coltivare una ricca vita sociale, in larga misura anche condivisa con le persone che ci sono più vicine, è un accorgimento capace di prevenire, almeno in parte, il formarsi di questi sovraccarichi.

  • La ricerca che dimostra il deterioramento dei rapporti in seguito ad eccessivo controllo.
La sperimentazione è stata svolta presso l'Università del Missouri Columbia sotto la guida di Jean M. Ispa e pubblicato sulla rivista Social Development. Sono state studiate le interazioni di oltre 2.000 madri e dei loro bambini ed i focus di  osservazione erano centrati sulla direttività e controllo materno nelle attività ludiche del piccolo alla età di due anni e quindi sull'atteggiamento del bambino verso la madre nel corso di una discussione con pareri discordanti quando il bimbo era in 5° elementare.
Bene l'intensità del controllo esercitato dalla madre alla età di 2 anni sembra essersi rivelato una variabile rilevante nel condizionare l'atteggiamento positivo o negativo verso la madre dello stesso bambino alla età di 10 anni, nel senso che maggiore era stato il controllo materno tanto più negative erano le reazioni verso il genitore in preadolescenza.
Naturalmente non ci riferiamo al normale controllo esercitato da qualunque genitore per tutelare ed insegnare la tutela della propria incolumità o il rispetto di altre regole sociali, ma l'eccessiva intrusione che sottrae spazio all'autonomia del bambino, soffocandone la crescita e finendo per essere vissuto dal destinatario di questo tipo di attenzione come ostile e persecutorio.


Commenti

  1. Pienamente d'accordo! :) Non saprei che altro aggiungere: lasciamoli crescere 'sti bambini!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti Luca, basta il giusto: attenzione q.b. e lasciare spazio q.b. :-)

      Elimina

Posta un commento

Allora? Che ne pensi?

Post popolari in questo blog

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Fare del male, essere capaci di farne anche consapevolmente e volontariamente non definisce esattamente il concetto di cattiveria. In realtà tutti siamo capaci di fare del male e tutti ne abbiamo fatto almeno  qualche volta nel corso della nostra vita: può capitare di farne senza rendersene esattamente conto, semplicemente perché non si è prestata attenzione ad un determinato aspetto o conseguenza di una azione e non si è quindi riusciti a valutarne gli effetti in maniera completa, altre volte accade perché siamo tesi emotivamente al raggiungimento di un nostro obiettivo e non risparmiamo mezzi  oppure perché dobbiamo difenderci e/o tutelare qualcosa per noi importante e rispondere alle aggressioni o invasioni altrui.
Non esiste nessuna persona umana vivente sulla terra che non abbia mai fatto del male: ciascuno di noi ospita dentro di sé sentimenti positivi e negativi e non sono esclusivamente i primi ad ispirare le nostre azioni.

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Voi vi chiederete il perché di una curiosità così insolita e potenzialmente controversa ed anche il perché proprio sette poesie: il motivo forse è che ho amato la corrente cosiddetta ermetica o anche perché un elenco limitato ben si coniuga con le poche parole della poesia breve ed infine perché sia l'uno che l'altra contengono un non so che di oracolare, che viene più facilmente impresso nella mente.

IL NUMERO
Sette è un numero magico: è uno dei più importanti numeri primi (cosiddetti) ed in qualche modo c'è sempre una mitologia che accompagna i principali numeri primi:

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Ebbene bisogna proprio sopportarmi: rieccomi con una delle mie spigolature, pescate tra le frasi fatte dell'antica saggezza popolare!
Non vi crucciate: pensate a quanto sopporto io che non posso separarmi da me stessa in nessun momento della mia vita! Dura, eh?

 "CHI PECORA SI FA, IL LUPO SE LA MANGIA" è un proverbio che si presta ad una riflessione tanto profonda quanto realistica: cos'è infatti che stimola l'aggressività del predatore? A parte la fame (che di per sé suscita rabbia, almeno finché si è ancora  in forze). Bene: una delle caratteristiche della preda ideale è la sua debolezza.