Passa ai contenuti principali

OCSE: troppe disparità regionali nell'assistenza sanitaria in Italia

Esistono profonde differenze nel funzionamento dei servizi sanitari delle diverse regioni italiane e tuttavia l'Italia, secondo il report OCSE pubblicato ieri sul sito del Ministero della Salute, registra tra i migliori indicatori di salute nei paesi monitorati dall'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo: siamo al 5° posto per aspettativa di vita alla nascita (82,3 anni) i tassi di ricovero per patologie broncopolmonari (asma e broncopneumopatia cronica ostruttiva) sono molto al di sotto della media OCSE e lo stesso vale per la mortalità dopo ictus ed infarto.
Il Ministero inoltre sottolinea che questi risultati sono stati raggiunti con una ottimizzazione del rapporto qualità/prezzo dei servizi sanitari, che in Italia costano 3,027$ pro capite e quindi con cifre nettamente inferiori a quelle dei paesi limitrofi: 4,593$ per l'Austria, 4,121$ per la Francia e 4,650$ per la Germania, ma viene anche messo a fuoco come l'esigenza di contenimento della spesa rischi di incidere sulla qualità dei servizi, che invece rappresentano la priorità per il Ministero.

Nell'ambito di questo quadro, delineato abbastanza positivamente nel suo complesso, emergono tuttavia alcune rilevanti criticità, prima fra tutte la disparità drammatica tra i diversi distretti territoriali a livello nazionale: in Sicilia i bambini che ricorrono al ricovero ospedaliero per una crisi asmatica sono il quintuplo dei ricoveri legati allo stesso motivo in Toscana, le ospedalizzazioni per patologie broncopolmonari croniche sono di 1,5/1.000 in Piemonte e 3,07/1.000 in Basilicata, i parti cesarei toccano in Campania la punta del 45% mentre in Trentino si attestano tra il 13,6% ed il 14,5%.
L'Italia inoltre spende poco per i programmi di prevenzione ed educazione alla salute (meno di un decimo della spesa in Olanda e Germania): il numero di bambini obesi è tra i più elevati nell'area OCSE ed il numero di anni vissuti in buona salute, così come la presenza di limitazioni dell'autonomia quotidiana dopo i 65 anni sono  più bassi delle medie OCSE.
Nello stesso tempo il progressivo invecchiamento della popolazione con l'incremento del bisogno di cure ed assistenza comporterà un aumento della spesa sanitaria, che pertanto nelle condizioni attuali di contenimento e tagli finanziari, finirà  per convogliare la maggior parte delle risorse sulle cure primarie penalizzando i programmi preventivi, che comunque procedono con lentezza.

Per rispondere alle criticità del SSN il Ministero ritiene necessario porre al centro dell'attenzione la valorizzazione della qualità dei servizi, utilizzando strumenti quali la creazione di un ispettorato sanitario nazionale, l'investimento sulla formazione del personale, il miglioramento della qualità delle cure primarie ed il potenziamento di un approccio regionale più razionale ed uniforme nei diversi distretti territoriali.

Commenti

Post popolari in questo blog

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Fare del male, essere capaci di farne anche consapevolmente e volontariamente non definisce esattamente il concetto di cattiveria. In realtà tutti siamo capaci di fare del male e tutti ne abbiamo fatto almeno  qualche volta nel corso della nostra vita: può capitare di farne senza rendersene esattamente conto, semplicemente perché non si è prestata attenzione ad un determinato aspetto o conseguenza di una azione e non si è quindi riusciti a valutarne gli effetti in maniera completa, altre volte accade perché siamo tesi emotivamente al raggiungimento di un nostro obiettivo e non risparmiamo mezzi  oppure perché dobbiamo difenderci e/o tutelare qualcosa per noi importante e rispondere alle aggressioni o invasioni altrui.
Non esiste nessuna persona umana vivente sulla terra che non abbia mai fatto del male: ciascuno di noi ospita dentro di sé sentimenti positivi e negativi e non sono esclusivamente i primi ad ispirare le nostre azioni.

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Voi vi chiederete il perché di una curiosità così insolita e potenzialmente controversa ed anche il perché proprio sette poesie: il motivo forse è che ho amato la corrente cosiddetta ermetica o anche perché un elenco limitato ben si coniuga con le poche parole della poesia breve ed infine perché sia l'uno che l'altra contengono un non so che di oracolare, che viene più facilmente impresso nella mente.

IL NUMERO
Sette è un numero magico: è uno dei più importanti numeri primi (cosiddetti) ed in qualche modo c'è sempre una mitologia che accompagna i principali numeri primi:

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Ebbene bisogna proprio sopportarmi: rieccomi con una delle mie spigolature, pescate tra le frasi fatte dell'antica saggezza popolare!
Non vi crucciate: pensate a quanto sopporto io che non posso separarmi da me stessa in nessun momento della mia vita! Dura, eh?

 "CHI PECORA SI FA, IL LUPO SE LA MANGIA" è un proverbio che si presta ad una riflessione tanto profonda quanto realistica: cos'è infatti che stimola l'aggressività del predatore? A parte la fame (che di per sé suscita rabbia, almeno finché si è ancora  in forze). Bene: una delle caratteristiche della preda ideale è la sua debolezza.