Passa ai contenuti principali

Suocere e donne ingombranti

Ha suscitato parecchie polemiche la locandina pubblicitaria scelta dall'impresa che si occupa della raccolta dei rifiuti a Palermo, la Rap partecipata del Comune: una donna di mezza età e  di taglia abbondante, armata di mattarello e legata ad altri ingombranti da smaltire come rifiuti domestici.
Nel manifesto pubblicitario la Rap assicura che basta una telefonata per vedere arrivare il furgoncino pronto al ritiro degli ingombranti, quasi tutti...
Immediata l'associazione con la suocera, benché dalle statistiche risultino le mogli quelle più frequentemente fatte fuori dagli intolleranti di famiglia, del resto si sa: ogni donna è una suocera  in erba. Al manifesto hanno fatto seguito proteste in rete ed in sede comunale da parte di alcuni consiglieri. Il presidente della Rap dice che il messaggio appartiene ad un "linguaggio semplice" e non è stato capito: in fondo, certo, si voleva solo scherzare...

Curioso che l'immagine dell'anziana signora legata al vecchio frigorifero richiami in accostamento analogico quella della vecchia strega legata al palo in cima al rogo, dove i nostri antenati poco  attenti alla produzione di inquinanti ambientali, l'avrebbero bruciata, avendola o meno strangolata prima a seconda della pietà o cattiveria del carnefice di turno.
Anche la strega da bruciare era vecchia, insomma non più sessualmente fruibile, in genere anche ingobbita perché di solito intenta alla ricerca e selezione di erbe medicinali: erano erboriste le streghe e perciò possedevano la sapienza ed il potere dei primi medicamenti e veleni conosciuti, per questo veniva loro attribuito un potere magico, inviso agli oscurantisti che non tolleravano il prestigio e l'ascendente che esse potevano esercitare nell'ambito della propria piccola comunità.

Nessuno avrebbe scherzato piazzando una donna bella, giovane e formosa legata al vecchio frigo: il messaggio (scontato) è che una donna non più sessualmente fruibile diventa un oggetto inutile ed ingombrante di cui liberarsi.
Tutto questo proprio all'antivigilia della befana, la strega per eccellenza: ma state tranquilli provvederà la befana stessa a punire Sergio Marino, il presidente Rap, e con linguaggio altrettanto semplice ci auguriamo che voglia scherzosamente donargli cenere e carbonelle in quantità, ma soprattutto una generosa, benevola e divertente tripla dose di legnate (meritatissime).

Commenti

  1. Un tantino fuori luogo, non ti sembra amico mio?
    Ci si può anche ridere sopra, per carità, ma allora lo suocero dove lo mettiamo?
    Un abbraccio serale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma poveri vecchietti Nella: ma lasciamoli in pace a godersi la loro pensione suoceri e suocere... ricambio l'abbraccio!

      Elimina
  2. Un tantino fuori luogo, non ti sembra amico mio?
    Ci si può anche ridere sopra, per carità, ma allora lo suocero dove lo mettiamo?
    Un abbraccio serale!

    RispondiElimina
  3. Clara, il buon senso e il bun gusto non sono in vendita!!!!!!!!
    Ciao!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il buon gusto soprattutto, Patricia... che ci vuoi fare?
      A presto, buona notte.

      Elimina
  4. Clara, il buon senso e il bun gusto non sono in vendita!!!!!!!!
    Ciao!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il buon gusto soprattutto, Patricia... che ci vuoi fare?
      A presto, buona notte.

      Elimina
  5. I nonni sono preziosi .......suocere
    suoceri......ahahah!!!!!!!!!!
    Bella questa.....!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, Marzia, ma sembra che questo non conti.... per la Rap almeno!

      Elimina
  6. I nonni sono preziosi .......suocere
    suoceri......ahahah!!!!!!!!!!
    Bella questa.....!!!!!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Allora? Che ne pensi?

Post popolari in questo blog

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Fare del male, essere capaci di farne anche consapevolmente e volontariamente non definisce esattamente il concetto di cattiveria. In realtà tutti siamo capaci di fare del male e tutti ne abbiamo fatto almeno  qualche volta nel corso della nostra vita: può capitare di farne senza rendersene esattamente conto, semplicemente perché non si è prestata attenzione ad un determinato aspetto o conseguenza di una azione e non si è quindi riusciti a valutarne gli effetti in maniera completa, altre volte accade perché siamo tesi emotivamente al raggiungimento di un nostro obiettivo e non risparmiamo mezzi  oppure perché dobbiamo difenderci e/o tutelare qualcosa per noi importante e rispondere alle aggressioni o invasioni altrui.
Non esiste nessuna persona umana vivente sulla terra che non abbia mai fatto del male: ciascuno di noi ospita dentro di sé sentimenti positivi e negativi e non sono esclusivamente i primi ad ispirare le nostre azioni.

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Voi vi chiederete il perché di una curiosità così insolita e potenzialmente controversa ed anche il perché proprio sette poesie: il motivo forse è che ho amato la corrente cosiddetta ermetica o anche perché un elenco limitato ben si coniuga con le poche parole della poesia breve ed infine perché sia l'uno che l'altra contengono un non so che di oracolare, che viene più facilmente impresso nella mente.

IL NUMERO
Sette è un numero magico: è uno dei più importanti numeri primi (cosiddetti) ed in qualche modo c'è sempre una mitologia che accompagna i principali numeri primi:

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Ebbene bisogna proprio sopportarmi: rieccomi con una delle mie spigolature, pescate tra le frasi fatte dell'antica saggezza popolare!
Non vi crucciate: pensate a quanto sopporto io che non posso separarmi da me stessa in nessun momento della mia vita! Dura, eh?

 "CHI PECORA SI FA, IL LUPO SE LA MANGIA" è un proverbio che si presta ad una riflessione tanto profonda quanto realistica: cos'è infatti che stimola l'aggressività del predatore? A parte la fame (che di per sé suscita rabbia, almeno finché si è ancora  in forze). Bene: una delle caratteristiche della preda ideale è la sua debolezza.