27 Gennaio 2014: 69 anni dall'abbattimento dei cancelli di Auschswitz

Ricorre oggi la celebrazione della memoria dell'olocausto: il 27 gennaio 1945 cadevano i cancelli del campo di sterminio di Auschwitz, pochi furono i superstiti scampati alla morte ed alla cattura dei nazisti in ritirata, che cercarono di portare con sé tutti i prigionieri ancora vivi ed in buona salute.
La data della commemorazione è stata stabilita dall'ONU nel 2005 in occasione del sessantesimo anniversario della liberazione dei campi di concentramento.

Auschwitz era più di un campo di concentramento: era un campo di sterminio, l'ultima tappa della cosiddetta soluzione finale, dove i prigionieri venivano uccisi in massa nelle camere a gas e bruciati nei crematori.

Una storia raccontata da tanti nelle testimonianze e trasposta in diverse  opere di narrativa e cinematografia: tra queste   mi torna ora in mente quel vecchio film di Roberto Benigni, la vita è bella, dove si racconta la storia di un uomo, imprigionato col proprio bambino nel campo di Auschwitz e di come egli riesca a nascondere il piccolo ai nazisti ed inoltre a rassicurarlo e proteggerlo anche dai traumi emotivi, attraverso l'uso di una specie di fiaba e gioco d'avventura.
La metafora che il papà presentava al piccolo  per non intristirlo e per garantirsene la necessaria collaborazione era di tipo ludico ed avventuroso: c'era una gara e loro dovevano riuscire a non farsi scoprire, perciò in alcuni momenti il bimbo doveva nascondersi e rimanere immobile e silenzioso.
Per ogni nuova circostanza il papà riusciva ad inventarsi una traduzione giocosa e comprensibile alla mente infantile, sicché tra i due si stabiliva una tenerissima, quanto drammatica complicità.
Un ritmo narrativo che raggiungeva il suo culmine nelle scene finali, quando i tedeschi in ritirata scandagliavano palmo a palmo il campo per portare via tutti i prigionieri: un susseguirsi di fughe e nascondini dal quale i due protagonisti infine uscivano salvi!
Un lieto fine artistico che purtroppo però non è stato quello vissuto nella realtà dalle migliaia di ebrei di ogni sesso ed età privati della propria identità civile e della propria dignità umana, prima di essere ammonticchiati  nelle camere a gas e nei crematori: per i nazisti il problema non era ucciderli, cosa tecnicamente semplice, quanto smaltirne i cadaveri, cosa più complessa sotto il profilo organizzativo e logistico.
Oltre i cancelli di Auschwitz venne rivelata una realtà fatta di torture  sistematiche, seguite dalle uccisioni di massa. Vennero scoperti i crematori, dove venivano stipati i corpi denutriti ed ormai ridotti già ad un mucchietto di ossa,  le camere a gas, le sperimentazioni deliranti.
70.000 persone trovarono la morte nel campo di Auschwitz: tra loro molti polacchi  ed anche prigionieri di guerra russi.
Quest'anno in Italia la commemorazione ha coinvolto i vertici dello stato e della chiesa, ma la ricorrenza ha subito due giorni fa l'insulto macabro delle teste di maiale recapitate alla sinagoga di Roma, all'ambasciata di Israele ed al museo della storia: una provocazione ed un insulto di stampo neonazista, che basta a ricordarci che la radice del razzismo è tutt'altro che estirpata ...
Per dirla con papa Francesco: "una vergogna per l'umanità"

Commenti

  1. Il film di Benigni, oltre ad essere bello dava un senso meno tetro alla vicenda mentre "Il bambino con il pigiama a righe" mi lasciò l'amaro in bocca... un'Amica conosciuta su Libero e che è anche qui su G+ mi aveva raccomandato di guardarlo senza però svelarmi la trama e a proposito secondo un utente intervenuto in due discussioni su una community l'Olocausto non c'è mai stato...

    RispondiElimina
  2. Appunto dicevo: il negazionismo è una delle facce del razzismo e del neonazismo ...
    "La vita è bella" io l'ho visto dopo molti anni dalla sua uscita e l'ho trovato bellissimo e coinvolgente: impossibile non fare un tifo sfegatato per la famigliola internata ... ma so che è una creazione artistica: la realtà ha spezzato dignità, stroncato vite ed ucciso la speranza e la fiducia nel mondo e nella umanità ... Un mio vecchio amico era figlio di un sopravvissuto .... nessuno può riprendersi da una esperienza come quella ... :-(

    RispondiElimina
  3. Appunto dicevo: il negazionismo è una delle facce del razzismo e del neonazismo ...
    "La vita è bella" io l'ho visto dopo molti anni dalla sua uscita e l'ho trovato bellissimo e coinvolgente: impossibile non fare un tifo sfegatato per la famigliola internata ... ma so che è una creazione artistica: la realtà ha spezzato dignità, stroncato vite ed ucciso la speranza e la fiducia nel mondo e nella umanità ... Un mio vecchio amico era figlio di un sopravvissuto .... nessuno può riprendersi da una esperienza come quella ... :-(

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

C'è speranza: il WMO registra un recupero dello strato di Ozono

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

L’ombra di Peter Pan

26 giugno: giornata internazionale per le vittime di tortura

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

A proposito di blog