Passa ai contenuti principali

La circumnavigazione della politica e l'approdo all'antipolitica.

Qualcuno tra i naviganti smarriti che occasionalmente approdano su questo scoglio sperduto nell'oceano del web avrà notato che da parecchio qui non si parla  di politica: nell'ultimo mese si è taciuto dell'avvicendamento nel governo e di amenità varie che hanno caratterizzato di recente la vita politica nel nostro paese.
Questo silenzio tombale potrebbe avere nome "effetto Renzi". 
In Italia invece sembra che in vista delle prossime elezioni europee l'effetto Renzi abbia portato ad una crescita di consenso nell'area PD, sicché i democratici sono attualmente in testa alle classifiche delle intenzioni di voto espresse dagli italiani, malgrado gli abboccamenti di Renzi con Berlusconi e sembra anche che la seconda forza politica da fronteggiare sarà il M5s, malgrado le numerose epurazioni che tante polemiche hanno suscitato in rete e nei media.

Insomma gli italiani vorrebbero cambiare ed individuano la novità nell'avvicendamento generazionale rappresentato da Renzi o nella forza politica di più recente formazione rappresentata dal M5s.
Berlusconi, malgrado condanne ed interdizione persiste nel conservare la medaglia di bronzo, una terza posizione da non sottovalutare affatto.

Il sondaggio della bussola di sky tg 24 ad oggi dà il PD al 32,7% seguito dal M5s al 22,2%, quindi FI al 20,5% ed a parecchia distanza Lega (4,6%) e NCD (4%).

Osservando la successione dei tre più forti partiti italiani del momento mi torna in mente un vecchio modo di dire del popolo napoletano per indicare una situazione senza sbocco.
Le alternative sono appunto tre, non a caso il numero perfetto (quello della trinità):

"Si fuie te sparo, si te firme t'accurtelleo e si te vutt din't a nu puzz te perdono"
per coloro che ignorassero il suono del dolce idioma partenopeo traduco di seguito:
"Se cerchi ti fuggire ti sparo, se ti fermi ti accoltello e se ti butti dentro ad un pozzo ti perdono"

Troppo facile sarebbe chiedersi in che senso e misura l'avvicendamento generazionale possa rappresentare effettivamente per sé una innovazione o meno, troppo scontato osservare che tutte e tre le forze politiche in questione si collocano nell'area che nella vecchia topografia politica sarebbe stata considerata di destra, ma si sa destra e sinistra sono concetti superati, restano i poveri, i precari, i lavoratori privati dei diritti contrattuali frutto della conquista di parecchi decenni di lotte, i senza tetto, gli anziani, poi i nuovi poveri ....
Gli organi  dello stato e le forze politiche ormai non interpretano e non rappresentano più nessuna di queste aree sociali, private di qualsiasi voce: i partiti, le camere, i governi rappresentano se stessi e gli interessi economici forti: un regime sostanzialmente oligarchico, una casta dirigenziale capace di manipolare le masse attraverso i propri media e di orientare le scelte di voto quando poi si vota ... perché il momento lo scelgono in base a considerazioni imperscrutabili, tant'è vero che i governi continuano a cambiare senza necessariamente passare per le elezioni .... Ma dire questo significa ricadere nello stigmatizzato cliché dell'antipolitica ...

E allora: non è che non ci si pensi, ma .... che parliamo a fare?
Sulla tastiera non si esercitano neanche le corde vocali ....

Commenti

  1. clara smettila di analizzare il movimento tramite le scimità dei media! i nostri parlamentari sono ogni week end in piazza! hai la possibilità di andare, di ascoltarli e di fare tutte le domande che vuoi, di dargli la mano, di abbracciarli, di fare quello che vuoi! stanno lì, conoscili e vedrai che ti renderai conto che ha una visione sfalsata del movimento!

    RispondiElimina
  2. Ciao Fabio :-D mi mancavi .... in questo post non parlavo in particolare del M5s, non soltanto di quello: credo sia chiaramente leggibile che non mi sento in questo momento di entrare a discutere di politica. Sono piuttosto disorientata e .... disgustata .. abbracciare dei parlamentari??? Ma dai Fabio!! Scherzi? Comunque non è questo il punto e per quanto simpatica sia la cosa non credo che la si risolva col "vulimmese bene" qui ci vuole ben altro, credo sia evidente! ;-))

    RispondiElimina
  3. PS: ti ringrazio sinceramente dell'attenzione che mi dedichi, ma ti assicuro: un tipo come me si farebbe epurare in un milionesimo di secondo .... ho i miei momenti no, ma non ha briglie .... se puoi capirmi e sono abituata ad esprimere liberamente il mio pensiero senza chiedere permessi ... un milionesimo di secondo, Fabio, non una particella di più :-D

    RispondiElimina

Posta un commento

Allora? Che ne pensi?

Post popolari in questo blog

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Fare del male, essere capaci di farne anche consapevolmente e volontariamente non definisce esattamente il concetto di cattiveria. In realtà tutti siamo capaci di fare del male e tutti ne abbiamo fatto almeno  qualche volta nel corso della nostra vita: può capitare di farne senza rendersene esattamente conto, semplicemente perché non si è prestata attenzione ad un determinato aspetto o conseguenza di una azione e non si è quindi riusciti a valutarne gli effetti in maniera completa, altre volte accade perché siamo tesi emotivamente al raggiungimento di un nostro obiettivo e non risparmiamo mezzi  oppure perché dobbiamo difenderci e/o tutelare qualcosa per noi importante e rispondere alle aggressioni o invasioni altrui.
Non esiste nessuna persona umana vivente sulla terra che non abbia mai fatto del male: ciascuno di noi ospita dentro di sé sentimenti positivi e negativi e non sono esclusivamente i primi ad ispirare le nostre azioni.

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Voi vi chiederete il perché di una curiosità così insolita e potenzialmente controversa ed anche il perché proprio sette poesie: il motivo forse è che ho amato la corrente cosiddetta ermetica o anche perché un elenco limitato ben si coniuga con le poche parole della poesia breve ed infine perché sia l'uno che l'altra contengono un non so che di oracolare, che viene più facilmente impresso nella mente.

IL NUMERO
Sette è un numero magico: è uno dei più importanti numeri primi (cosiddetti) ed in qualche modo c'è sempre una mitologia che accompagna i principali numeri primi:

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Ebbene bisogna proprio sopportarmi: rieccomi con una delle mie spigolature, pescate tra le frasi fatte dell'antica saggezza popolare!
Non vi crucciate: pensate a quanto sopporto io che non posso separarmi da me stessa in nessun momento della mia vita! Dura, eh?

 "CHI PECORA SI FA, IL LUPO SE LA MANGIA" è un proverbio che si presta ad una riflessione tanto profonda quanto realistica: cos'è infatti che stimola l'aggressività del predatore? A parte la fame (che di per sé suscita rabbia, almeno finché si è ancora  in forze). Bene: una delle caratteristiche della preda ideale è la sua debolezza.