Passa ai contenuti principali

Qualcosa di dolce per la buona domenica: torta di crema

La vita è amara, lo sappiamo, è per questo che a volte ci piace gustare qualcosa di dolce: il dolce piace a tutti, cani, gatti, umani .... non fa tanto bene a volte, specie se siamo portati ad esagerare, ma una cosina dolce, non sdolcinata, non proprio una bomba di zucchero, ma gradevole alla chiusura del pasto, qualche volta possiamo concedercela.
Io vorrei invitarvi a preparare ed assaggiare un dolce semplicissimo, una crostata di crema.
Si tratta di una torta che all'interno è morbidissima (è solo crema) e quindi io suggerisco di prepararla in ruoti piccoli, ma potete anche optare per la formula pasticcino, utilizzando formine monoporzione.

Ci occorrono in tutti i casi la pastafrolla e la crema pasticciera: potete anche prepararle la sera prima, entrambe si conservano tranquillamente in frigo.



  • Pastafrolla: 300 gr. di farina, 100 gr. di zucchero, 150 gr. di burro o margarina freddi, un uovo, aromi (vanillina) un pizzico di sale, 10 gr. di lievito in polvere per dolci.

Impastare velocemente, amalgamando bene, appallottolare e conservare in frigo.

  • Crema pasticciera: 2 cucchiai da tavola di farina, 5 cucchiai di zucchero, scorza di limone, aroma vanillina, 2 uova intere, mezzo litro di latte.

Mescolare la farina con lo zucchero, rompervi sopra le uova e mescolare, aggiungere la scorza di limone, l'aroma ed il latte sempre mescolando, portare sul fuoco e continuare a girare fino ad ebollizione. Quando la crema è pronta togliete la scorza del limone.

Quando gli ingredienti base sono pronti, imburrare ed infarinare la teglia stendere una sfoglia di pastafrolla ed adagiarla sul fondo (secondo me la si potrebbe anche spalmare di marmellata) quindi riempire con la crema pasticciera e tornare a coprire con un'altra sfoglia di pastafrolla, facendo aderire i bordi e tagliando via l'eccesso. Infornare a 180°C per circa 40 minuti. Non troppo dolce, ma dolce e buonissimo: un ottimo dessert!
Buon appetito e buona domenica a tutti!!

Commenti

Post popolari in questo blog

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Fare del male, essere capaci di farne anche consapevolmente e volontariamente non definisce esattamente il concetto di cattiveria. In realtà tutti siamo capaci di fare del male e tutti ne abbiamo fatto almeno  qualche volta nel corso della nostra vita: può capitare di farne senza rendersene esattamente conto, semplicemente perché non si è prestata attenzione ad un determinato aspetto o conseguenza di una azione e non si è quindi riusciti a valutarne gli effetti in maniera completa, altre volte accade perché siamo tesi emotivamente al raggiungimento di un nostro obiettivo e non risparmiamo mezzi  oppure perché dobbiamo difenderci e/o tutelare qualcosa per noi importante e rispondere alle aggressioni o invasioni altrui.
Non esiste nessuna persona umana vivente sulla terra che non abbia mai fatto del male: ciascuno di noi ospita dentro di sé sentimenti positivi e negativi e non sono esclusivamente i primi ad ispirare le nostre azioni.

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Voi vi chiederete il perché di una curiosità così insolita e potenzialmente controversa ed anche il perché proprio sette poesie: il motivo forse è che ho amato la corrente cosiddetta ermetica o anche perché un elenco limitato ben si coniuga con le poche parole della poesia breve ed infine perché sia l'uno che l'altra contengono un non so che di oracolare, che viene più facilmente impresso nella mente.

IL NUMERO
Sette è un numero magico: è uno dei più importanti numeri primi (cosiddetti) ed in qualche modo c'è sempre una mitologia che accompagna i principali numeri primi:

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Ebbene bisogna proprio sopportarmi: rieccomi con una delle mie spigolature, pescate tra le frasi fatte dell'antica saggezza popolare!
Non vi crucciate: pensate a quanto sopporto io che non posso separarmi da me stessa in nessun momento della mia vita! Dura, eh?

 "CHI PECORA SI FA, IL LUPO SE LA MANGIA" è un proverbio che si presta ad una riflessione tanto profonda quanto realistica: cos'è infatti che stimola l'aggressività del predatore? A parte la fame (che di per sé suscita rabbia, almeno finché si è ancora  in forze). Bene: una delle caratteristiche della preda ideale è la sua debolezza.