Passa ai contenuti principali

Guerriglia e repressione nella piazza Taksim ad Instabul

                                                                                                11/06/2013

Continuano i disordini di piazza nella città di Istanbul e questa mattina la polizia in tenuta antisommossa ha assediato la piazza Taksim per liberarla dalle barricate, dalle immagini e dagli striscioni: l'attacco è stato portato avanti con uso di lacrimogeni,  cannoni ad acqua e mezzi blindati, mentre i manifestanti hanno risposto con lancio di molotov e sassi.
In un comunicato il governatore di Instanbul dichiara di non volere sgomberare Gezi Park, né "toccare"  le persone, ma solo togliere dalla piazza le barricate, tuttavia proprio in queste ore arriva notizia dell'ingresso della polizia anche nel Gezi Park, dove sono raccolti la maggior parte dei manifestanti.

La protesta, nata, come si ricorderà, il 31 maggio scorso per proteggere gli alberi del parco Gezi, minacciati di abbattimento per la costruzione di un centro commerciale, è stata segnata da una immediata e violenta repressione di polizia con migliaia di arresti e feriti, si è parlato di quattro persone che hanno perso la vista e di un manifestante per cui è stata dichiarata la morte cerebrale. 
Anche oggi si parla di un paio di feriti di cui uno potrebbe essere grave, ma le notizie sono confuse, mentre la situazione si mantiene drammatica.
Le manifestazioni hanno praticamente da subito assunto il carattere di rivolta contro il primo ministro Erdogan, considerato tra l'altro responsabile dei gravi incidenti verificatisi nel corso dei disordini.
Sia gli Stati Uniti che l'Unione Europea hanno espresso nei giorni scorsi preoccupazione e condanna per la violenza con cui è stata condotta la repressione, circostanza   che rappresenta un motivo di discredito della nazione turca in rapporto ad un possibile ingresso nell'Unione Europea.
Malgrado tutto questo il premier Erdogan ha stabilito questa mattina lo sgombero della piazza e probabilmente  intende spegnere i focolai di ribellione entro i prossimi giorni.

Erdogan è un uomo politico, la cui  matrice culturale è di tipo islamico e conservatore ed è primo ministro in Turchia dal 2003. Ha sempre cercato di mantenere buoni rapporti commerciali e diplomatici con l'Unione Europea, tanto da far pensare ad un possibile ingresso dell Turchia nell'Unione, ipotesi comunque sempre contrastata dalla Francia e dalla Germania. 

OkNotizie

Commenti

Post popolari in questo blog

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Fare del male, essere capaci di farne anche consapevolmente e volontariamente non definisce esattamente il concetto di cattiveria. In realtà tutti siamo capaci di fare del male e tutti ne abbiamo fatto almeno  qualche volta nel corso della nostra vita: può capitare di farne senza rendersene esattamente conto, semplicemente perché non si è prestata attenzione ad un determinato aspetto o conseguenza di una azione e non si è quindi riusciti a valutarne gli effetti in maniera completa, altre volte accade perché siamo tesi emotivamente al raggiungimento di un nostro obiettivo e non risparmiamo mezzi  oppure perché dobbiamo difenderci e/o tutelare qualcosa per noi importante e rispondere alle aggressioni o invasioni altrui.
Non esiste nessuna persona umana vivente sulla terra che non abbia mai fatto del male: ciascuno di noi ospita dentro di sé sentimenti positivi e negativi e non sono esclusivamente i primi ad ispirare le nostre azioni.

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Voi vi chiederete il perché di una curiosità così insolita e potenzialmente controversa ed anche il perché proprio sette poesie: il motivo forse è che ho amato la corrente cosiddetta ermetica o anche perché un elenco limitato ben si coniuga con le poche parole della poesia breve ed infine perché sia l'uno che l'altra contengono un non so che di oracolare, che viene più facilmente impresso nella mente.

IL NUMERO
Sette è un numero magico: è uno dei più importanti numeri primi (cosiddetti) ed in qualche modo c'è sempre una mitologia che accompagna i principali numeri primi:

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Ebbene bisogna proprio sopportarmi: rieccomi con una delle mie spigolature, pescate tra le frasi fatte dell'antica saggezza popolare!
Non vi crucciate: pensate a quanto sopporto io che non posso separarmi da me stessa in nessun momento della mia vita! Dura, eh?

 "CHI PECORA SI FA, IL LUPO SE LA MANGIA" è un proverbio che si presta ad una riflessione tanto profonda quanto realistica: cos'è infatti che stimola l'aggressività del predatore? A parte la fame (che di per sé suscita rabbia, almeno finché si è ancora  in forze). Bene: una delle caratteristiche della preda ideale è la sua debolezza.