Il cappellano ed il detenuto




Ecco che si incrociano due storie che rappresentano due piaghe aperte nella nostra società: la sessualità dei sacerdoti, più o meno pervertita e la condizione delle carceri e dei detenuti.
Allora: questo Alberto Barin, cappellano a San Vittore è stato denunciato per violenza sessuale su alcuni detenuti. Non è un pedofilo, come è accaduto per altri sacerdoti: essendo in servizio nelle carceri ha avuto a che fare con persone maggiorenni. Si parla di detenuti al maschile: supponiamo quindi che il cappellano in questione sia omosessuale, il che è meno aberrante dell'essere pedofilo, ma sicuramente egli ha abusato della sua posizione di prestigio e superiorità, mettendo alle strette con varie forme di lusinghe e ricatti persone che vivevano il disagio del carcere. Tutti sanno che nelle carceri si consumano violenze ed abusi tra detenuti e che esistono forme di omertà e copertura rispetto ai reati commessi all'interno, ma il personale addetto alla custodia ed il ... cappellano (mio dio!) dovrebbero rieducare i carcerati: questo è il loro compito istituzionale, non parliamo di carità o mandato divino ...

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Cercami (poesia)

La ricetta della domenica: il ritorno. Pasta alla puttanesca.