Passa ai contenuti principali

L'articolo 1 della nostra Costituzione

                                                       

                                                                Articolo 1
                                "L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro.
La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione."
Così recita il primo articolo dei principi fondamentali della costituzione della repubblica italiana. Il lavoro è il motore di tutto e rappresenta la partecipazione, il ruolo sociale e la fonte di sostentamento di ciascuno. 
Nessuna persona si può definire realmente adulta se non ha raggiunto la sua indipendenza economica. La capacità di produrre un reddito rappresenta anche il riconoscimento della utilità sociale dell'individuo e del lavoro che egli è in grado di svolgere. 
Chi non lavora rimane, in varia misura, emarginato, dipendente da qualcun altro, incapace di assumersi reali responsabilità verso se stesso e verso le persone cui è legato. Se questa persona è un giovane le sue possibilità di maturazione psicologica e tutta la sua capacità progettuale per il futuro, ne rimangono gravemente inficiate. Ora gli ultimi dati ISTAT ci danno un tasso di disoccupazione giovanile (tra i 15 ed i 24 anni) pari al 36,5% ed immagino che da questa percentuale siano stati esclusi gli studenti,  che per propria scelta non hanno ancora iniziato la ricerca di un lavoro. La percentuale complessiva dei disoccupati è invece all'11% ed entrambi i dati risultano in costante crescita.
La mancanza di indipendenza economica preclude la realizzazione personale e limita seriamente la libertà degli individui, colpisce con massiccia prevalenza la nuova generazione, sicché tutti veniamo privati del loro apporto di entusiasmo ed innovazione presente nel loro potenziale. Quale progresso possiamo figurarci in questa situazione?

Commenti

Post popolari in questo blog

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Fare del male, essere capaci di farne anche consapevolmente e volontariamente non definisce esattamente il concetto di cattiveria. In realtà tutti siamo capaci di fare del male e tutti ne abbiamo fatto almeno  qualche volta nel corso della nostra vita: può capitare di farne senza rendersene esattamente conto, semplicemente perché non si è prestata attenzione ad un determinato aspetto o conseguenza di una azione e non si è quindi riusciti a valutarne gli effetti in maniera completa, altre volte accade perché siamo tesi emotivamente al raggiungimento di un nostro obiettivo e non risparmiamo mezzi  oppure perché dobbiamo difenderci e/o tutelare qualcosa per noi importante e rispondere alle aggressioni o invasioni altrui.
Non esiste nessuna persona umana vivente sulla terra che non abbia mai fatto del male: ciascuno di noi ospita dentro di sé sentimenti positivi e negativi e non sono esclusivamente i primi ad ispirare le nostre azioni.

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Voi vi chiederete il perché di una curiosità così insolita e potenzialmente controversa ed anche il perché proprio sette poesie: il motivo forse è che ho amato la corrente cosiddetta ermetica o anche perché un elenco limitato ben si coniuga con le poche parole della poesia breve ed infine perché sia l'uno che l'altra contengono un non so che di oracolare, che viene più facilmente impresso nella mente.

IL NUMERO
Sette è un numero magico: è uno dei più importanti numeri primi (cosiddetti) ed in qualche modo c'è sempre una mitologia che accompagna i principali numeri primi:

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Ebbene bisogna proprio sopportarmi: rieccomi con una delle mie spigolature, pescate tra le frasi fatte dell'antica saggezza popolare!
Non vi crucciate: pensate a quanto sopporto io che non posso separarmi da me stessa in nessun momento della mia vita! Dura, eh?

 "CHI PECORA SI FA, IL LUPO SE LA MANGIA" è un proverbio che si presta ad una riflessione tanto profonda quanto realistica: cos'è infatti che stimola l'aggressività del predatore? A parte la fame (che di per sé suscita rabbia, almeno finché si è ancora  in forze). Bene: una delle caratteristiche della preda ideale è la sua debolezza.