Immigrati clandestini


           

                                                                            "Sono  rimasto solo, nessuno alle mie spalle, gli amici dispersi. Ho abbandonato la casa che forse ora è distrutta. La mia casa e la gente che salutavo al mattino.
Solo la follia di questa fuga.
In fondo alla barca, sconosciuti che parlano la mia lingua: non so chi siano.
Sulla pelle non ho che i vestiti, impregnati di polvere e sudore, cullato dalle onde,  nelle orecchie il mormorio del mare che sussurra incertezze, come al ramo reciso dal suo tronco destinato forse a morire, marcito e disseccato dall’acqua salata, o forse a toccare terra, una buona terra dove affondare radici. 
Non so cosa toccherà a me: sono sfinito ed ho paura, il mare lambisce la mia mano e la sponda della barca. Il mare non perdona. C’è gente che non è mai arrivata, gente che non è tornata mai più.
Un sopore malsano, un’insolita vertigine, una nausea che m’afferra proprio allo stomaco e stringe. Si fa fatica a respirare: quanto ancora? Si è alzato un po’ di vento: sembra promettere un  fiato, ma non basta a coprire l’odore.
Provo a guardare l’orizzonte: è ancora mare, sarà giusta la rotta? Non posso pregare, ho già pregato molto in passato, ma non è bastato a salvare la mia famiglia. Vorrei cedere alla stanchezza, abbrutirmi in un sonno nero e senza sogni, non c’è altro da fare, nulla che io possa fare adesso: forse riuscirei a recuperare qualche energia per lo sbarco. Lo sbarco, forse. C’è il pianto di un bambino: qualcuno non è partito solo, come me.  Meglio restare allerta: se succede qualcosa, qui si comincia a ballare un po’ troppo, quel vento non portava un che di buono. Tendersi e bilanciarsi.
Ecco la costa, ma è lontana: c’è una corrente forte, il pianto è cessato, la gente grida e qualcuno lascia scivolare le lacrime in silenzio, qualcuno ancora prega con sguardo intenso rivolto al proprio cuore. Non so se un Dio ascolta, né se toccheremo terra: non dovevano portare il bambino o forse dovevano portarlo, tanto sarebbe morto laggiù ................"

Partii un giorno
e fra tanti:
strappate le radici
e recise
dall'umida terra,
che prima ha vibrato,
al mio grido natale.
Negato allo sguardo
l'orizzonte
piano ed aperto
del mare,
inquietato dall'onde,
e delle distese di sabbia
e deserti.
Distante, ma stretto
alla casa
dei volti già noti
dai vividi sguardi
e mesti sorrisi.
Sopite memorie
di nenie e canzoni
di festa:
parole dirette
che in terra straniera
non odo.
E quanto all'amore
lasciato laggiù
consuma il pensiero
e lo serra alla pena,
ma ancora conforta
chi è solo.
Ma qui sconosciuta la gente
ed avara,
mi guarda sfuggente
e scantona.
Vò ancora cercando
non tutto, ma il nulla neanche
e solo ne canto la storia.


                                                                                                                                 

                                                                                                                                                                                     

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Verdure imbottite (ricetta)

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Creme di verdure per condire la pasta (ricetta)