Lo Stato sociale: dove vanno le nostre tasse?


L'uomo è un animale di branco, come altre specie animali: in gruppo si è più forti, si possono conquistare terre, appropriarsi di risorse alimentari ed energetiche, proteggersi a vicenda.
Lo stato di diritto è una evoluzione di questi principi e tendenze istintive.
Sono stati necessari due millenni di civiltà per giungere a stabilire quelli che sono i diritti inalienabili di ciascun individuo ed a definire quale tipo di protezione la società offre alle persone che si trovano in condizioni di disagio o difficoltà per qualche motivo.
Nel nostro paese esistono  i Servizi sociali, il Servizio Sanitario Nazionale e varie forme di riconoscimento e di supporto a condizioni di disagio lesive della dignità umana.
Le tasse che noi paghiamo allo Stato dovrebbero essere utilizzate appunto per coprire le spese dei Servizi (oltre che dell'apparato organizzartivo, amministrativo  e burocratico della stessa struttura statale). 
Ora negli ultimi tempi sembra che le nostre tasse,invece, servano piuttosto a pagare i debiti dello Stato, o meglio parte degli interessi sul debito dello Stato e perciò, visto che le risorse non sono infinite, per risparmiare si taglia il costo dei servizi, anzi si tagliano i servizi.

I ticket sanitari sono ormai abbastanza vicini al costo delle prestazioni private, i servizi sociali risultano pressoché latitanti un pò da sempre nel meridione ed ultimamente del tutto privi di portafoglio. Chi è malato, disoccupato, povero può anche morire: non si può fare nulla.
La scuola, poi, la scuola pubblica, nata con le grandi civilissime campagne di alfabetizzazione di massa viene svilita e privata di strumenti e risorse essenziali. 
Perché investire nella scuola e nei servizi? Producono reddito? No: i Servizi sono, per definizione, forme di assistenza destinate a soddisfare bisogni essenziali ed a garantire diritti umani, hanno un costo, ma ciò che producono in termini di civiltà, cultura, benessere e pace sociale è qualcosa che non può essere intascato (legittimamente) da banchieri ed industriali.
Forse è per questo che esistono tanti amministratori e politici corrotti: possibile che  un tale giro di denaro possa esistere e muoversi indisturbato, senza che vi sia un padrone capace di appropriarsi di  un plusvalore? In fondo questi amministratori e politici corrotti hanno solo trattato lo Stato come la propria azienda privata arrogandosi il diritto di guadagnare (illecitamente) su ogni transazione. 
I debiti li hanno contratti loro e prima del carcere bisognerebbe confiscare quanto acquisito disonestamente.
Ora pagano i cittadini, soprattutto i più deboli, tassati (e tartassati) ma privati dei servizi che loro stessi finanziano con le loro tasse: è difficile che in queste situazioni possa raggiungersi la pace sociale (non a stomaco vuoto ....).
La rabbia può essere facilmente strumentalizzata dai vari leghisti e nazifascisti, che però, lasciatemelo dire, raccontano grosse balle: io al nord ho lavorato, pagavo anche meno tasse, ma avevo più servizi, le tasse che pago al sud, visto che qui i servizi lasciano molto a desiderare, probabilmente servono a finanziare quelli del lombardo-veneto ... e allora?
Il rischio di regressione civile e culturale è una realtà.

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Cercami (poesia)

La ricetta della domenica: il ritorno. Pasta alla puttanesca.