I "No Tav" e l'informazione

Secondo una notizia ANSA è stato aggredito oggi un cameraman della RAI che svolgeva il suo lavoro a Torino, riprendendo l'apertura del processo ai militanti del movimento no tav (45 imputati) per i fatti accaduti la scorsa estate. Attivisti del movimento gli hanno intimato di spegnere le telecamere ed, alla risposta evidentemente negativa, sono passati a vie di fatto con pugni e sputi.
L'uomo ha dovuto ricorrere a cure ospedaliere.
Ora, qualunque cosa si voglia pensare dei Tav e del processo: perché aggredire una persona che sta facendo il suo lavoro? Il cameraman è stato colpito al basso ventre, c'è da credere intenzionalmente, una mossa vietata anche negli scontri sportivi: una pessima pubblicità per questo movimento che dimostra di voler impedire l'informazione in maniera assai poco democratica e di usare metodi  che in verità di leale e sportivo hanno ben poco.
L'apertura del processo è stato spostata al 21 gennaio prossimo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Torre Del Greco, il parcheggio al porto: la protesta viaggia sui social

Torre Del Greco, criticità rifiuti: la risposta dell'Amministrazione

Torre Del Greco: dove si svolgerà la manifestazione commemorativa del 4 Novembre

L'Italia non è un paese per giovani: lavorano solo i vecchi

L'egemonia del Lombardo-Veneto: domani il referendum