I "No Tav" e l'informazione

Secondo una notizia ANSA è stato aggredito oggi un cameraman della RAI che svolgeva il suo lavoro a Torino, riprendendo l'apertura del processo ai militanti del movimento no tav (45 imputati) per i fatti accaduti la scorsa estate. Attivisti del movimento gli hanno intimato di spegnere le telecamere ed, alla risposta evidentemente negativa, sono passati a vie di fatto con pugni e sputi.
L'uomo ha dovuto ricorrere a cure ospedaliere.
Ora, qualunque cosa si voglia pensare dei Tav e del processo: perché aggredire una persona che sta facendo il suo lavoro? Il cameraman è stato colpito al basso ventre, c'è da credere intenzionalmente, una mossa vietata anche negli scontri sportivi: una pessima pubblicità per questo movimento che dimostra di voler impedire l'informazione in maniera assai poco democratica e di usare metodi  che in verità di leale e sportivo hanno ben poco.
L'apertura del processo è stato spostata al 21 gennaio prossimo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Ci sedemmo dalla parte del torto, visto che tutti gli altri posti erano occupati

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Cercami (poesia)

La ricetta della domenica: il ritorno. Pasta alla puttanesca.