Passa ai contenuti principali

Assaggiatori di sesso per bando di concorso

 31/05/2013


Ebbene oggi sono stati chiesti per per Fede, Mora e Minetti, imputati nel famigerato processo Ruby, sette anni di carcere: il pm, un certo Antonio Sangermano, li considera tutti colpevoli nella gestione del giro di ragazze a disposizione di Berlusconi e quindi ne descrive le "mansioni" ovvero i reati ipotizzati senza alcun pudore!
Cari voi! E qui mi dovrete veramente perdonare, ma non resisto: come sarebbe a dire che Emilio Fede e Lele Mora erano assaggiatori di sesso?? E va bene finché si arriva ad insinuare che Nicole Minetti faceva la maitresse e si occupava di agghindare e pagare le ragazze, lo posso ancora capire, ma che fosse consentito a Fede e Mora di fare da "assaggiatori" è una cosa troppo perversa! Dove è finito allora lo ius primae noctis? Così, bello e buono nasce questo nuovo mestiere di "assaggiatore" che tradisce e rinnega tradizioni storicamente radicate nella cultura feudale del nostro popolo.

                         E questi  disgraziati non hanno neanche avuto la generosità di fare il 
                                  Bando di concorso:
__________________________________________

"CERCANSI ASSAGGIATORI SESSUALI CON ESPERIENZA SPECIFICA NELLA VALUTAZIONE PRESTAZIONALE DI GIOVANI FANCIULLE PREFERIBILMENTE MINORENNI, DISPOSTI AD EFFETTUARE PART TIME E/O  A TEMPO PIENO (A DISCREZIONE DELLA DIREZIONE) I PROVINI PER LE CANDIDATE ALL'AMMISSIONE AL CORSO PRATICO ESPERENZIALE DI VILLA ARCORE. 
SI OFFRONO STIPENDIO E PROVVIGIONI ADEGUATE ALL'IMPEGNO"
________________________________________________


Ma ci rendiamo conto? Con la disoccupazione che c'è in giro sarebbe stato il concorso più affollato che la storia d'Italia ricordi ed avrebbe risolto anche tanti problemi dei nostri uomini! 
Bastava dire alla moglie: "Vado al lavoro che qui qualcuno dovrà pur preoccuparsi di sbarcare il lunario e  mettere il piatto a tavola"  che poi sarebbe stata anche la pura verità, invece di arrampicarsi sugli specchi e scovare tante altre meschine bugie che pure a volte gli uomini sono costretti (loro malgrado) ad inventare.
Alla festa dei 18 anni della figlia, uno prende e presenta gli amici: 
"Questo è Carlo che insegna matematica, Giuseppina si occupa di compravendita di automobili e Gennarino che fa l'assaggiatore  di donne, sai è  sempre un pò stressato: un'attività impegnativa, senza orari (gli servirebbe proprio una brava ragazza)".

Voi mi taccerete di bigotteria e tradizionalismo (lo so, né posso darvi torto) ma a questo punto lo ius primae noctis mi pare una romanticheria sopraffina ....


Commenti

  1. Un bel lavoro, l'assaggiatore di donne, e poi, Gennarino nun dice bucie ma dice 'nu cuofeno 'e fesserie :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Allora? Che ne pensi?

Post popolari in questo blog

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Fare del male, essere capaci di farne anche consapevolmente e volontariamente non definisce esattamente il concetto di cattiveria. In realtà tutti siamo capaci di fare del male e tutti ne abbiamo fatto almeno  qualche volta nel corso della nostra vita: può capitare di farne senza rendersene esattamente conto, semplicemente perché non si è prestata attenzione ad un determinato aspetto o conseguenza di una azione e non si è quindi riusciti a valutarne gli effetti in maniera completa, altre volte accade perché siamo tesi emotivamente al raggiungimento di un nostro obiettivo e non risparmiamo mezzi  oppure perché dobbiamo difenderci e/o tutelare qualcosa per noi importante e rispondere alle aggressioni o invasioni altrui.
Non esiste nessuna persona umana vivente sulla terra che non abbia mai fatto del male: ciascuno di noi ospita dentro di sé sentimenti positivi e negativi e non sono esclusivamente i primi ad ispirare le nostre azioni.

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Voi vi chiederete il perché di una curiosità così insolita e potenzialmente controversa ed anche il perché proprio sette poesie: il motivo forse è che ho amato la corrente cosiddetta ermetica o anche perché un elenco limitato ben si coniuga con le poche parole della poesia breve ed infine perché sia l'uno che l'altra contengono un non so che di oracolare, che viene più facilmente impresso nella mente.

IL NUMERO
Sette è un numero magico: è uno dei più importanti numeri primi (cosiddetti) ed in qualche modo c'è sempre una mitologia che accompagna i principali numeri primi:

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Ebbene bisogna proprio sopportarmi: rieccomi con una delle mie spigolature, pescate tra le frasi fatte dell'antica saggezza popolare!
Non vi crucciate: pensate a quanto sopporto io che non posso separarmi da me stessa in nessun momento della mia vita! Dura, eh?

 "CHI PECORA SI FA, IL LUPO SE LA MANGIA" è un proverbio che si presta ad una riflessione tanto profonda quanto realistica: cos'è infatti che stimola l'aggressività del predatore? A parte la fame (che di per sé suscita rabbia, almeno finché si è ancora  in forze). Bene: una delle caratteristiche della preda ideale è la sua debolezza.