Passa ai contenuti principali

Femminicidio: la scia di sangue continua

                                                                                                            04/05/2013

Negli ultimi giorni   arrivano, piuttosto che cronache nere, bollettini di guerra: oggi abbiamo i risultati dell'autopsia di Ilaria Leone. La giovane, uccisa ed abbandonata cadavere a Livorno, è stata oggetto di una tentata violenza e di un pestaggio  brutale:  sembra la causa della morte sia stato il soffocamento per aspirazione nei bronchi del suo stesso sangue, sgorgato a seguito della rottura del setto nasale.
Risulta che nell'ambito delle indagini sia stato fermato un uomo di 34 anni di nazionalità senegalese.
L'autopsia di Alessandra Iacullo, trovata morta ad Ostia giovedì scorso, rivela invece quale causa della morte, una ferita da taglio al collo.

In entrambi i casi le indagini sono ancora in corso ed in entrambi i casi sembra trattarsi di aggressioni avvenute in strada, come se fosse in corso una regressione culturale che vuole gettare ancora le donne in quella condizione di segregazione ed intimidazione in cui hanno vissuto per secoli e tutt'ora vivono in alcune culture: la strada  non è un luogo sicuro, le donne non possono uscire sole ed è meglio che stiano a casa, ma i dati sul femminicidio ci dicono anche che proprio le mura domestiche sono il luogo meno sicuro ....

Commenti

Post popolari in questo blog

Esiste la cattiveria? Cosa significa essere cattivi? Come accade e come difendersi?

Fare del male, essere capaci di farne anche consapevolmente e volontariamente non definisce esattamente il concetto di cattiveria. In realtà tutti siamo capaci di fare del male e tutti ne abbiamo fatto almeno  qualche volta nel corso della nostra vita: può capitare di farne senza rendersene esattamente conto, semplicemente perché non si è prestata attenzione ad un determinato aspetto o conseguenza di una azione e non si è quindi riusciti a valutarne gli effetti in maniera completa, altre volte accade perché siamo tesi emotivamente al raggiungimento di un nostro obiettivo e non risparmiamo mezzi  oppure perché dobbiamo difenderci e/o tutelare qualcosa per noi importante e rispondere alle aggressioni o invasioni altrui.
Non esiste nessuna persona umana vivente sulla terra che non abbia mai fatto del male: ciascuno di noi ospita dentro di sé sentimenti positivi e negativi e non sono esclusivamente i primi ad ispirare le nostre azioni.

Le sette (vere) poesie più brevi al mondo

Voi vi chiederete il perché di una curiosità così insolita e potenzialmente controversa ed anche il perché proprio sette poesie: il motivo forse è che ho amato la corrente cosiddetta ermetica o anche perché un elenco limitato ben si coniuga con le poche parole della poesia breve ed infine perché sia l'uno che l'altra contengono un non so che di oracolare, che viene più facilmente impresso nella mente.

IL NUMERO
Sette è un numero magico: è uno dei più importanti numeri primi (cosiddetti) ed in qualche modo c'è sempre una mitologia che accompagna i principali numeri primi:

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia

Ebbene bisogna proprio sopportarmi: rieccomi con una delle mie spigolature, pescate tra le frasi fatte dell'antica saggezza popolare!
Non vi crucciate: pensate a quanto sopporto io che non posso separarmi da me stessa in nessun momento della mia vita! Dura, eh?

 "CHI PECORA SI FA, IL LUPO SE LA MANGIA" è un proverbio che si presta ad una riflessione tanto profonda quanto realistica: cos'è infatti che stimola l'aggressività del predatore? A parte la fame (che di per sé suscita rabbia, almeno finché si è ancora  in forze). Bene: una delle caratteristiche della preda ideale è la sua debolezza.